Aids, scoperta molecola che blocca il virus

Aids, scoperta molecola che blocca il virus

Aids, scoperta molecola che blocca il virus

Ci sono nuove speranze per combattere il virus dell'Hiv, responsabile dell'Aids. E la ricerca è tutta italiana: i ricercatori del laboratorio di Virologia molecolare diretto da Giovanni Maga presso l'istituto di Genetica molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche di Pavia insieme al laboratorio di chimica farmaceutica dell'Università di Siena diretto da Maurizio Botta hanno scoperto una molecola farmacologicamente attiva, in grado di bloccare l'infezione poichè diretta contro un "enzima cellulare. La terapia attuale, invece, si basa invece su farmaci diretti contro "enzimi virali". I risultati dell'importantissima ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Journal of Medicinal Chemistry dell'American Chemical Society.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli studiosi hanno fatto ricorso a tecniche computerizzate per disegnare una molecola "su misura" per la proteina Ddx3, responsabile di portare le informazioni virali, che, successivamente sintetizzata e provata nei test biologici, si è dimostrata in grado di interferire con la sua azione, bloccandola. Dai risultati è emerso come il blocco dell'azione di Ddx3 determini l'interruzione della replicazione virale nelle cellule infette dal virus Hiv, senza danneggiare le cellule sane, che, al contrario del virus, posseggono meccanismi in grado di compensare la perdita di Ddx3.

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di italiano
    italiano

    Grandi chiunque abbia effettuato questa scoperta un ringraziamento particolare a coloro che dedicano con passione e amore la loro vita per donare luce dove si abbassa il buio. Tenevo a dire che grazie a dio non sono malato ma sto male a solo l'idea di poterlo essere e a quei milioni di bimbi senza speranza e colpa che forse oggi possono riaccendere l'idea della speranza grazie.CONTINUATE COSI PER 1 MONDO MIGLIORE!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -