Forte maltempo: attivato dalla Protezione civile il preallarme per criticità idraulica

Le raccomandazioni ai cittadini sono quelle di non sostare in prossimità di argini e ponti, di non accedere a moli e dighe foranee e di prestare attenzione agli avvisi forniti dalle autorità locali.

La Protezione Civile dell'Emilia Romagna ha attivato lo stato di preallarme per criticità idraulica nelle province di Rimini, Forlì-Cesena e Ravenna. Prosegue invece su tutta la regione fino alle 12 di sabato 23 maggio, la fase di preallarme per vento, pioggia/temporali, criticità idraulica ed idrogeologica, stato del mare. La nuova allerta è stata diramata venerdì pomeriggio sulla base dei dati previsionali forniti dal Centro funzionale Arpa Emilia-Romagna, che prevedono un’intensificazione delle piogge con probabili situazioni di piene fluviali per i bacini delle zone interessate.

Sono possibili innalzamenti dei livelli dei corsi d’acqua principali e criticità diffuse sul reticolo idrografico minore. In particolare sulla macroarea Lamone-Savio è possibile il superamento della soglia 2 (moderata criticità), con eventuali danni alle opere idrauliche, abitazioni, cantieri e attività in prossimità di fiumi e canali. Sulla macroarea B (pianura di Forlì e Ravenna) è invece possibile il superamento della soglia 3 (elevata criticità).

L’Agenzia regionale di Protezione civile sta seguendo l’evolversi della situazione assieme ad Arpa e in raccordo con Prefetture, Vigili del Fuoco, Servizi tecnici di bacino, Consorzi di Bonifica, Amministrazioni provinciali e comunali. Le raccomandazioni ai cittadini sono quelle di non sostare in prossimità di argini e ponti, di non accedere a moli e dighe foranee e di prestare attenzione agli avvisi forniti dalle autorità locali.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -