Asia, indagine su traffico bambini orfani

Asia, indagine su traffico bambini orfani

ROMA - Ora c'è un pericolo in più nel sudest asiatico, in seguito al terremoto e maremoto che si è verificato nel giorno di Santo Stefano. Un'indagine basata sulle denunce di traffico di bambini, infatti, è stata aperta dalla polizia indonesiana.

"Non sappiamo cosa sia successo, perchè c'è ancora una situazione caotica. Tuttavia il ministero vuole compiere delle indagini, poichè non possiamo tollerare una cosa del genere", ha detto un funzionario del ministero per gli affari sociali, Makmur Sunusi.

Una elevata percentuale delle quasi 150 mila persone uccise dal maremoto sono bambini - hanno riferito alcuni cooperanti in Indonesia - e si presume che siano tanti anche fra i circa 200 mila dispersi. In Svezia il quotidiano Expressen parla oggi, citando fonti della polizia thailandese, di un probabile rapimento di un bambino svedese di 12 anni, Kristian Walker, che sarebbe stato portato via, mentre era in un ospedale vicino a Khao Lak, da un uomo che si trovava con lui.

L'agenzia cattolica Asianews ieri ha denunciato un commercio di vite umane, basandosi su fonti di volontari islamici secondo i quali alcune persone cercano di "comprare" gli orfani dell'Aceh. Ma il leader dell'organizzazione per la protezione dei bambini in Sri Lanka, Harendra de Silva, ha rivelato all'agenzia Ap che vi sono già state denuncie di violenza sessuale contro i bambini, molti dei quali, orfani, si trovano fra il milione di sfollati cingalesi. "Sono molto vulnerabili - ha aggiunto de Silva - e vivono accampati all'aperto.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -