Forlì, all'Old Time Show spuntano veicoli da record

Forlì, all'Old Time Show spuntano veicoli da record

Forlì, all'Old Time Show spuntano veicoli da record

FORLI' - Ammirare da vicino un pezzo d'epoca, che ha in sé la propria storia e racconta di vicende del passato, ha sempre un fascino particolare. Questa è l'anima di Old Time Show, la manifestazione della Fiera di Forlì che richiama visitatori da tutta Italia, e non solo, per scoprire pezzi unici, una sorta di museo dei motori del passato che vivono grazie alle immagini ed alle storie dei loro protagonisti. Un appuntamento assolutamente da non perdere.

 

         Quest'anno la manifestazione offre una suggestione in più, grazie ad un'eccezionale raccolta di veicoli da record, una decina dei pezzi più strani, assemblati con sapienza da progettisti e meccanici, testati da squadre di professionisti chiamati a realizzare prodotti innovativi e destinati al successo. La stessa sorte accomuna i vari Nibbio 1 e Nibbio 2, che montano motori Guzzi da 500 e 350 e che sono il frutto dell'ingegno del conte Lurani Cernuschi. 

 

Esemplare della categoria è il singolarissimo Colibrì, veicolo in tutto e per tutto simile ad un auto, dal design all'avanguardia capace di anticipare i tempi per il suo gusto e la ricercatezza delle sue linee. Motore Guzzi bialbero 250 cc a 5 marce montato su un telaio della famosa casa modenese Stanguellini (che insieme a Maserati e Ferrari rese Modena la capitale dei motori famosa in tutto il mondo) con carrozzeria Gran Sport. Linea filante, altezza ridotta, il Colibrì disegnato dal genio di Franco Scaglione, sfruttando al massimo la penetrazione aerodinamica, con un motore non eccezionalmente potente, era capace di raggiungere velocità superiori a quelle di un'automobile. Furono Piero Campanella ed Angelo Poggio a farlo diventare una leggenda quando il 9 ottobre del 1963, superò ben sei record internazionali raggiungendo i 165 km/h nel circuito di Monza.

Il veicolo è a Forlì all'interno della Galleria dei Veicoli da record per concessione del Museo Stanguellini, uno dei più prestigiosi Musei storici dell'auto, che ha scelto la manifestazione forlivese per mettere in vetrina uno dei propri pezzi più leggendari.

 

A pochi passi dal Colibrì, ad attrarre l'attenzione dei visitatori c'è l'Aermacchi di Lino Tonti, nota come LinTo Aermacchi Record, una motocicletta da competizione costruita da Lino Tonti per la casa di Varese. Tonti, progettista di Cattolica, a metà anni Cinquanta si trasferì in Lombardia ed approdò alla Aermacchi che da poco si cimentava con la produzione motociclistica, dopo una lunga esperienza nel settore aeronautico (il suo nome per esteso era Aeronautica Macchi), per effetto della riconversione della produzione che si era resa necessaria nell'immediato dopoguerra. Il progetto della LinTo Aermacchi Record è del 1955, ed è frutto della collaborazione di tonti con Massimo Pasolini, coppia talentuosa alla quale si deve un'altra moto da competizione da 75 cc di cilindrata.

 

Per questa realizzazione, il motore bialbero LinTo fu saldato addirittura ad un serbatoio di aeroplano, combinando le migliori prestazioni dell'uno e dell'altro, in una sintesi quasi perfetta.

 La conquista del record con la LinTo non fu cosa semplice, e si contano diversi di tentativi falliti, uno dei quali in Germania lungo l'autostrada Monaco-Ingolstadt, che costò a Pasolini più di una frattura. Alla fine, nel 1956, giunse poi il meritato successo, quando la lancetta del tachimetro raggiunge la strabiliante soglia dei 167 chilometri all'ora lungo l'autostrada dei Laghi, tra Legnano e Castellanza.

 

Accanto a questi due gioielli, nei ventimila metri quadri coperti della Fiera trovano spazio anche il cobra di Gino Capanna, che monta un motore Guzzi 250, un Italjet Cyclecar, veicolo a 3 ruote spinto per ben tre volte oltre i limiti di velocità (Monza 1969) da Leopoldo Tartarini, protagonista con racconti dalla sua viva voce, di Old Time Show il prossimo fine settimana in Fiera a Forlì.

 

Completano il programma della manifestazione la mostra scambio con possibilità di acquistare veicoli italiani e stranieri da privati e concessionari ed un ricco mercato di pezzi di ricambio, originali e d'epoca, che ogni anno fa la felicità di collezionisti e amatori alla ricerca di qualcosa di eccezionale. E ancora, foto storiche, immagini di imprese sportive e di vicende che hanno fatto la storia del nostro paese, insieme a conversazioni e presentazioni di monografie dedicate al motorismo storico che si succederanno presso il palco eventi della fiera nel corso della manifestazione.

 

Old Time Show si apre sabato 13 marzo in Fiera a Forlì alle 8,30 e sarà aperto fino alle 18. Si replica la domenica con il medesimo orario.

La manifestazione è realizzata dalla Fiera di Forlì in collaborazione con ASI, CRAME e il Velocifero.

 

www.oldtimeshow.it staff@fieraforli.it Tel 0543.793511

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -