Forlì, degrado a San Mercuriale. Chiudere il chiostro?

Forlì, degrado a San Mercuriale. Chiudere il chiostro?

Forlì, degrado a San Mercuriale. Chiudere il chiostro?

FORLI' - Abbazia di San Mercuriale: degrado a 360 gradi, a cominciare dal chiostro. Muri scarabocchiati, colonne sfregiate e vituperate, interstizi, angoli e anfratti divenuti comodi orinatoi nell'indifferenza di occhi frettolosi. Per assurdo, la cisterna seicentesca, assurta a ricettacolo di ogni sorta di rifiuto, ha vissuto i momenti peggiori nell'agosto 1999: la voluta in ferro battuto fu trovata sradicata e in pezzi sul lato ovest del chiostro.

 

Lo stesso basamento in pietra, in termini tecnici definito "vera", risultava spaccato in tutti e tre i punti di ancoraggio alla voluta. I colpevoli, tutti minorenni, furono scoperti e processati. Il pozzo è stato prontamente restaurato per iniziativa della Soprintendenza, del Comune e della Diocesi, ma il decadimento non è certo scemato. Anzi. L'apocalisse del monumento è iniziata nel 1941, l'anno in cui lo stesso Duce del Fascismo Benito Mussolini inaugurò personalmente l'opera da lui voluta e finanziata, su progetto dell'ingegnere di regime Gustavo Giovannoni. Chiudere o non chiudere il chiostro di San Mercuriale? Il dilemma amletico se rendere inaccessibile, almeno nottetempo, il "collegamento pedonale" fra le piazze Saffi e XX Settembre (così lo volle Mussolini), si riaccende ogniqualvolta succede qualcosa che trascende i confini ordinari di un degrado ormai intrinseco al manufatto.

 

Nella sua pubblicazione "Itinerari d'architettura moderna", ‘vademecum' insostituibile per la riscoperta degli stili costruttivi forlivesi del XX secolo, il professor Ulisse Tramonti esprime un giudizio tecnico sull'insolito "claustrum" aperto, facendo intendere che il progettista Giovannoni, nell'ipotizzare, a partire dal 1939, lo sfondamento di due lati del complesso, avrebbe agito secondo logiche condivisibili. "Il chiostro - scrive il docente universitario - dopo secoli di abbandono, si trovava in uno stato di degrado elevato. Demolendo la canonica e aprendo un portico si poteva salvare il quattrocentesco chiostro e nel contempo creare il collegamento con piazza Saffi e la piazzetta retrostante". Anche l'ex assessore comunale Gabriele Zelli, attento cultore della storia e della tradizione forlivese, ha idee precise al riguardo: "Il vero problema del chiostro è di essere divenuto luogo di bivacco indisturbato. Una prima soluzione potrebbe essere la presenza costante di forze dell'ordine: basterebbe spostarli dall'imbocco di corso della Repubblica. E se anche si decidesse di chiuderlo nottetempo con cancellate, i nullafacenti farebbero il misero sforzo di spostarsi sui gradini del sagrato al tramonto, per poi rientrare sotto i portici la mattina. Più che isolarlo, io punterei a rivitalizzarlo". Le voci di un ritorno di monsignor Quinto Fabbri, anche se solo come abate, senza più funzioni parrocchiali, si fanno insistenti. Dalle pieghe della cronaca emerge un illuminante articolo di monsignor Bruno Bazzoli, pubblicato su "Il Momento" del 3 giugno 1997. L'ex abate, parroco di San Mercuriale dal 1952 al 1994 e scomparso il 25 luglio 2006 all'età di 91 anni, rievoca tutte le tappe della questione scatenata dallo sventramento del chiostro medievale. "Nel 1939 Mussolini ne decise l'apertura come conquista del popolo".

 

La prima vittima di cotanta volontà di massa fu proprio il parroco del tempo, monsignor Adamo Pasini. Il grande storico e cultore d'arte, "oltre al danno inevitabile alla vita parrocchiale - scrive don Bazzoli - subì anche quello alle opere d'arte". Chiaro il riferimento alle 30 lunette sulla vita di Giovanni Gualberto, fondatore dei Vallombrosiani, affrescate nei primi anni del ‘600 ma deperite in un amen a causa dell'improvvisa e innaturale esposizione alle intemperie. Ne salvò una ventina lo stesso monsignor Bazzoli, facendole trasferire in chiesa nei primi anni Sessanta. Il loro degrado era talmente avanzato, che monsignor Quinto Fabbri, parroco di San Mercuriale dal 1995 al 2007, le ha riavviate a nuovo e difficile restauro, tutt'ora in corso. Del vero "claustrum" vallombrosiano, realizzato a partire dal 1585, rimane solo la prima delle tre fila del colonnato. Risale invece al 1942 la prima delle convenzioni con il quale l'Amministrazione comunale spossessò l'abbazia del chiostro. A monsignor Pasini, nel 1944, subentrò monsignor Giuseppe Prati. Il grande don Pippo si trovò ad affrontare ben altre beghe, dovendo occuparsi dei tanti forlivesi rimasti senza affetti né casa, a causa della tragedia del secondo conflitto mondiale. Il 30 agosto 1952, la Diocesi ritornò proprietaria di tutto ciò che non fosse piano di calpestio, rimanendo al Comune "l'assoluta proprietà della parte posta al pian terreno", e pertanto ogni potere circa la limitazione o meno dell'accesso al chiostro. Il "restauro" del monumento, è bene ricordarlo, fu anticipato dall'impietosa demolizione della canonica su Piazza Saffi, del Pavaglione su Piazza XX Settembre, dell'antica sacrestia e della cosiddetta Camera dell'Abate, e sortì un ibrido architettonico di dubbio gusto. Ritorniamo allo scritto di don Bazzoli: "Nel 1957, il ministro acconsentì all'intervento di chiusura, inviando un contributo di 650.000 lire.

 

Sarà la stessa Amministrazione comunale di Forlì, proprietaria del piano di calpestio, a bocciare il progetto di chiusura elaborato da Sergio Selli nella seduta consiliare del 9 marzo 1959. Fu determinante il voto negativo della componente social-comunista. Ma uscì allo scoperto anche un assessore repubblicano, sostenendo che "il popolo forlivese ha il diritto di passare dove vuole". Il denaro già erogato dovette essere restituito a Roma. Quarant'anni dopo, sulla scia dell'ennesimo atto di vandalismo, il presidente del Rotary Club di Forlì Alfonsino Badini ripropose la chiusura del chiostro con cancellate artistiche, sulla base di un progetto già offerto alla città dal suo sodalizio nel 1991. Ma anche quella volta fu il nulla di fatto, e il calvario del monumento, al pari del dibattito su come intervenire per ravvivarlo, non accenna ad avere fine.

 

Piero Ghetti

 

 

Commenti (13)

  • Avatar anonimo di Gran'Muu
    Gran'Muu

    Ma non ci sono le telecamere sotto il chiostro? O sono le solite che non funzionano, messe lì solo per spaventare? Allora, fare qualche bella registrazione, prendere i colpevoli e a calci nel sedere fargli lavare quello che hanno sporcato, tu sporchi, tu pulisci! E santa miseria!! Poi sarebbe ora di fare un pò di educazione civica nelle scuole!! E infine chiuderei definitivamente quel chiostro al passaggio di chicchessia!! E non solo il chiostro, io recinterei tutto san mercuriale, in modo che si tengano lontani anche quelli che sui lati largo dè calboli e piazza XX settembre scaricano il loro "serbatoio"!!! Lordoni irrispettosi...!!! E' che poi molti non sono neanche di qua, quindi che cavolo gliene frega dei nostri monumenti... facciamo fatica a rispettarli noi... figuriamoci chi viene da fuori!

  • Avatar anonimo di lamskoy82
    lamskoy82

    @G.0876 ...daccordissimo con te!!!!! Il caro sindaco prima di pensare alla provincia "Romagna" deve cominciare a pensare alla SUA!!! E poi in questa situazione penso che gli altri neanche ci vorrebbero. Lo scempio e lo schifo stanno attanagliando la nostra Forlì. BASTA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Avatar anonimo di annibale
    annibale

    @fausto pardolesi sei il classico vecchio bilioso stile "muppets show" contrario ed antagonista a prescindere. Tante verità...nessuna ragione. Il chiostrino dovrebbe rimanere cosi com'e', come è sempre stato. Il Comune non deve fare nulla, piuttosto i clerici si adoperassero ad istruire i frequentatori sugli usi e costumi della cittadinanza.

  • Avatar anonimo di L'uomo qualunque
    L'uomo qualunque

    Sarebbe il caso di (rin)chiudere invece del chiostro i delinquenti, i fannulloni ed i vagabondi che, con la sola loro presenza, inquinano da troppo tempo il centro storico di Forlì. Queste presenze che incomprensibilmente e beatamente bivaccano qua e la, senza fare nulla di utile dalla mattina a notte fonda, potrebbero ben essere portate a guadagnarsi il pane in qualche terreno agricolo, ne ricaverebbe sicuro vantaggio tutta la comunità.

  • Avatar anonimo di matteol
    matteol

    Io sono del parere che un servizio di controllo del chiostro, sia di giorno che di notte, sarebbe l'ideale. I malintenzionati ed i vandali in poco tempo abbandonerebbero il posto e si risolverebbe tutto. Si potrebbero organizzare dei gruppi di volontari, semplici cittadini disposti a presidiarlo a turni. Magari con la divisa. Che so, una camicia verde.

  • Avatar anonimo di piadina
    piadina

    io non sono cattolico, ma alla mia città ci tengo lo stesso! e non mi interessa di chi è la pipi se di un cittadino o di un'estracomunitario, la pulizia dei maleducati va fatta a prescindere, e gli imbecilli che scrivono sui muri pubblici sono da prendere per un orecchio e farli pulire tutto con la lingua!

  • Avatar anonimo di Enrico
    Enrico

    E' davvero un vero peccato.... e comunque chissà perchè tutte le opere in cui c'è lo zampino del DUCE sono portate alla malora, di esempi a Forlì ce ne sono parecchi... chissa perchè...

  • Avatar anonimo di Poldo
    Poldo

    Sti cattolici.. sempre dietro alle loro icone.. e le utilissime telecamere del chiostro? pagate con soldi pubblici... in suolo privato (chiesa) come se i soldi mancassero

  • Avatar anonimo di G.0876
    G.0876

    Li ho fatto la prima comunione il chiostro è una meraviglia.... peccato sia diventato il bivacco di tutta la ciustè di Forlì pieno di vagabondelli per lo più stranieri che usano il monumento come se fosse un bar con annesso gabinetto pubblico . Sono anni che questa storia si ripete direi che il chiostro non sarebbe da chiudere bisognerebbe togliere questa gentaccia da li come da tutto il centro! CARO SINDACO!!! prima di proporre di fare un unica provincia "Romagna" preoccupati di Forlì che sta diventando uno schifo...! Tra la scalinata di S.Mercuriale, il chiostro,P. Saffi, via G.Regnoli non pare di essere neppure a Forlì! tra 30 stranieri forse 1 forlivese lo trovi ...e lo noti perchè è l'unico che ha il passo spedito... !

  • Avatar anonimo di piadina
    piadina

    chiuderlo assolutamente no! non possiamo variare le nostre abitudini cittadine per dei balordi sporcaccioni! più controllo e riprendiamoci la nostra città!

  • Avatar anonimo di fausto pardolesi
    fausto pardolesi

    trovo ingiustificato che i commenti all'articolo che tratta dello scandalo VERO che ha degradato l'abazia di san mercuriale siano disabilitati

  • Avatar anonimo di fausto pardolesi
    fausto pardolesi

    degrado nel chiostro? io penso che il degrado maggiore sia avvenuto nella chiesa e nella canonica

  • Avatar anonimo di pernacchio
    pernacchio

    Povero chiostro della nostra infanzia! Allora c'era un formicolare di ragazzini che avrebbero scoraggiato solo con la loro presenza quotidiana qualsiasi tentativo di imbrattamento o peggio.. Oggi anche il nostro bel chiostro, un po' come tutta la piazza Saffi è oggetto di scempio senza che alcuno faccia concrete azioni. Tra Aurelio Saffi e San Mercuriale una "par condicio" di abbandono da parte dei forlivesi che non fa onore né allo Stato né alla Chiesa. A parte le rispettabili opinioni di ciascuno intanto cominciate a chiuderlo questo benedetto chiostro, per salvaguardarlo dai deficienti che lo imbrattano e ci bivaccano! Chiuso! Di giorno e di notte! E aprirlo solo quando, presidiato, potrà essere oggetto di visite turistiche da parte dei forlivesi e non! Il chiostro è un'opera d'arte e deve essere un museo all'aperto. Da tutelare e da visitare con rispetto... non da percorrere come un qualsiasi passaggio pedonale! Per passare da una piazza all'altra non è poi così lontano largo de' Calboli...

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -