Forlì, inchiesta eolico. Da Roma arriva la guardia di Finanza. Interrogatori fiume

Forlì, inchiesta eolico. Da Roma arriva la guardia di Finanza. Interrogatori fiume

Forlì, inchiesta eolico. Da Roma arriva la guardia di Finanza. Interrogatori fiume

FORLI' - Da Roma a Forlì per fare chiarezza sul giro d'affari sull'eolico in Sardegna. Gli agenti del Nucleo di Polizia Valutaria di Roma si sono presentati nelle abitazioni e negli uffici dei forlivesi coinvolti nell'inchiesta sulla cosiddetta P3 del sostituto procuratore di Roma Rodolfo Sabelli e del procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo che ha portato all'arresto del faccendiere Flavio Carboni. Lo ha rilevato l'edizione forlivese del "Corriere Romagna".

 

Le Fiamme Gialle giovedì mattina si sono presentati nello studio del commercialista Fabio Porcellini in piazza Ordelaffi con il provvedimento di acquisizione di atti. E' stato Porcellini stesso, come riporta il ‘Corriere Romagna', a consegnare tutta la documentazione relativa all'affare eolico in Sardegna. I finanzieri si sono presentati anche nell'abitazione del suocero del commercialista, Alessandro Fornari. Entrambi sono stati poi interrogati come persone informate sui fatti a lungo nella caserma di Forlì.

 

A quanto pare sono state visitate le abitazioni di altre persone, di cui non è chiaro il ruolo che hanno in questa vicenda, a loro volta interrogate. Il "troncone" dell'inchiesta che coinvolge Forlì è relativo al finanziamento, in più tranche, di quattro milioni di euro partito dalla 'Sardinia Renewable energy project', società che ha sede legale in piazza Ordelaffi, dove si trova la sede dello studio del commercialista Porcellini.

 

Soldi destinati faccendiere Carboni, il personaggio attorno a cui ruota l'inchiesta, in carcere dall'8 luglio scorso, regista dell'affare degli impianti di energia rinnovabile che funzionano con la forza del vento, il cosiddetto 'eolico', in Sardegna.

Commenti (6)

  • Avatar anonimo di sefossi
    sefossi

    In queste vicende in genere i personaggi coinvolti andrebbero divisi in tre categorie, gli unti, gli untori e gli ingenui. Gli unti sono quasi sempre i politici ed i pubblici funzionari che favoriscono l'affare, in nessun caso lo fanno gratis. Gli untori sono coloro che ne hanno un beneficio economico rilevante, finanziatori, esecutori dei lavori, gestori finali del bene. In mezzo a mò di collante ci sono i maneggioni, coloro che sanno tenere i contatti, che ricevono dagli untori la materia prima che apre le vie. Poi ci sono gli ingenui, loro garantiscono appoggi o finanziano operazioni convinti di acquisire prestigio personale. Sono le vittime in genere dei maneggionii, alla fine quasi sempre perdono i soldi e non acquisiscono potere personale. E veniamo alla Sardegna......sembrano per ora individuati solo i maneggioni........e forse gli ingenui, se crediamo ancora che oggi si possa essere ingenui.......e gli altri? Mancano i pezzi sostanziali. gli unti e gli untori.

  • Avatar anonimo di simy
    simy

    una volta qualcuno parlava di questione morale...forse non va più di moda...anche la nostra tranquilla realtà...se c'è l ombra della p3 chissà quante altre cose ci sono che non sappiamo..temo..

  • Avatar anonimo di rob
    rob

    Ma la Lega lo sa che è forza di governo?

  • Avatar anonimo di steno
    steno

    All'onorevole Pini ride anche il C....., se dovessero essere evidenziate effettivamente collegamenti con il PDL per questioni poco edificanti, il tutto ancora risulta molto fumoso, allora la Lega farà per l'ennesima volta cassa tra l'elettorato PDL.

  • Avatar anonimo di rob
    rob

    e l'On.Pini cosa dice?

  • Avatar anonimo di gerry
    gerry

    Noto con stupore e meraviglia che su questa notizia di livello nazionale riguardante alcuni personaggi locali, non vi sono i soliti commenti dei soliiti "commentatori"... mi piacerebbe sapere un po il loro parere anche su questa bella questione ,che odora di torbido e che non fa demagogia???ma un po di paura si ......

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -