Forlì, nuovo Iper: dalla cupola in vetro oltre 60mila Kwh all'anno

Forlì, nuovo Iper: dalla cupola in vetro oltre 60mila Kwh all'anno

Forlì, nuovo Iper: dalla cupola in vetro oltre 60mila Kwh all'anno

FORLI' - Una grande cupola di vetro larga 51 metri e alta 25: è l'elemento architettonico che a partire da giovedì 7 aprile, giorno dell'apertura ufficiale, accoglierà i visitatori all'ingresso del nuovo iper di Forlì. Per realizzare la sezione di sfera, ispirata apertamente alle coperture dei "giardini d'inverno" delle capitali europee, sono state utilizzate più di 110 tonnellate di vetro. La sua presenza non è solo un tratto di stile, ma è pensata per massimizzare il risparmio energetico.

 

Lo stesso si può dire per le ampie vetrate che caratterizzano i corridoi e per il sistema automatico che regola l'illuminazione in base all'intensità della luce naturale proveniente dall'esterno

 

Gli sforzi compiuti dai progettisti per ridurre i consumi del puntadiferro si estendono in numerose direzioni. Sul tetto si trova un impianto fotovoltaico da 50 Kw di picco che occupa una superficie di 700 metri quadri e consente la produzione di 60mila Kwh annui di energia elettrica.

 

Il puntadiferro non è dotato di caldaie, ma sfrutta il sistema di teleriscaldamento fornito da Hera, combinato con pompe di calore per la climatizzazione invernale e con torri evaporative per la climatizzazione estiva. L'ipermercato E.Leclerc-Conad usa interamente l'energia proveniente dal teleriscaldamento per la climatizzazione invernale, mentre tutta l'acqua calda sanitaria viene prodotta recuperando l'energia termica dissipata dai banchi frigoriferi.

 

Per la gestione dell'acqua, in particolare per quanto concerne l'irrigazione, è stato installato un sistema di recupero di acque piovane che si integra con il pozzo artesiano esistente.

Nella galleria, scandita dalla ripetizione modulare di archi, volte e gole, spiccano diversi pozzi di luci distribuiti sui due rami principali della galleria stessa e due coperture vetrate a volta per una superficie di 2.000 metri quadri sui lati secondari.

 

L'intervento comprende piste ciclabili attrezzate per circa 2 chilometri e percorsi pedonali coperti e scoperti per 800 metri. Particolare attenzione è stata rivolta allo studio dell'impatto acustico che l'intero centro avrebbe generato con la sua costruzione. Sono stati dunque innalzati circa 700 metri di barriera antirumore per limitare le emissioni rumorose di strade, zone carico - scarico e macchinari.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -