Liste di attesa, ecco il piano: esami e visite anche di domenica e ticket per chi non disdice

Al via il Piano della Regione per ridurre le liste di attesa nella sanità regionale. Per la fine dell'anno si punta a garantire almeno il 90% delle prestazioni entro 30 giorni dalla richiesta per le prime visite, entro 60 giorni per le prestazioni strumentali

Al via il Piano della Regione per ridurre le liste di attesa nella sanità regionale. Per la fine dell'anno si punta a garantire almeno il 90% delle prestazioni entro 30 giorni dalla richiesta per le prime visite, entro 60 giorni per le prestazioni strumentali, con possibilità di visita sette giorni su sette, più personale a disposizione, prenotazioni più semplici. E chi non si presenta senza disdire pagherà il ticket.

Ambulatori aperti il sabato e la domenica in ogni distretto. Possibilità di accedere senza prenotazione ai centri prelievo. Meno burocrazia, con agende più semplici e trasparenti. Pagamento del ticket per chi non disdice. Blocco della libera professione nel caso in cui i tempi d’attesa siano fuori controllo. Questi i punti salienti del piano della Regione, per ridurre drasticamente le liste d’attesa in Emilia-Romagna illustrato lunedì a Bologna dal presidente Stefano Bonaccini e dall’assessore regionale alle Politiche per la salute Sergio Venturi.

“Con questo piano manteniamo fede ad un impegno contenuto nel programma di governo regionale che riguarda la riduzione dei tempi di attesa delle prestazioni sanitarie. Una questione che sta molto a cuore ai cittadini alla quale abbiamo dato, a soli sei mesi dall’insediamento della Giunta, una risposta organica. Vogliamo migliorare ulteriormente i livelli qualitativi di una sanità che è tra le migliori in Europa, diminuendo i tempi di attesa, aumentando orari e giorni disponibili per le visite, creando anche nuovi posti di lavoro”, ha sottolineato il presidente della Bonaccini.

L’obiettivo preciso è quello di garantire, per la fine dell’anno, almeno il 90% delle prestazioni entro 30 giorni dalla richiesta nel caso delle prime visite, entro 60 giorni per le prestazioni strumentali.Per evitare esami inutili, sarà rafforzata la collaborazione tra medici di medicina generale e specialisti; entro il 30 settembre verrà adottato un software specifico per il controllo in tempo reale delle liste. Entro il 30 ottobre 2015 saranno coinvolti più medici e infermieri, fino alla fine del 2016, attraverso risorse (10 milioni di euro) dedicate.

"Consapevoli che le liste d’attesa sono il ‘tema dei temi’ per i cittadini proseguiremo giorno per giorno con le Aziende affinché si possa raggiungere l’obiettivo fissato già a fine anno. E ci riusciremo organizzando le Aziende come abbiamo già fatto per gli ospedali agendo con determinazione proprio dove vi sono maggiori criticità nel rispetto dei tempi d’attesa fissati dalla Regione” ha aggiunto l’assessore Venturi.

Un Responsabile unico per i tempi d’attesa
Già nel 2015 la valutazione delle Direzioni generali dipenderà dal risultato sulle liste di attesa e in ogni Azienda verrà nominato un Responsabile unico dell’accesso alle prestazioni specialistiche ambulatoriali, cui verrà affidata la gestione esclusiva e la modifica delle agende e il presidio dei tempi di attesa. Entro il 30 settembre inoltre verrà adottato un software specifico per avere la situazione in tempo reale delle liste. Servirà ad aggiornare quotidianamente le Direzioni generali e il Responsabile unico, in modo da permettere un adattamento tempestivo dell’offerta.

Più professionisti dove c’è maggiore criticità: disponibili 10 milioni
Il superamento delle criticità passa attraverso il reclutamento di nuovi professionisti: per questo, il piano mette a disposizione 10 milioni di euro.

Possibilità di visita sette giorni su sette
Per le prestazioni che a settembre 2015 presentano tempi di attesa critici, le Aziende prevedono un ulteriore allargamento dell’offerta nelle giornate di sabato e domenica, e nelle ore serali dei giorni feriali, anche nel privato accreditato.

Prenotazioni più semplici
Verrà ampliato il servizio di prenotazione su CUPWEB (modalità on-line, www.cupweb.it) con l’offerta di prestazioni disponibili. Dal 2016, possibilità di accedere anche tramite “app” su dispositivi mobili (smartphone e tablet). Inoltre, entro il 15 settembre di quest’anno, per le prenotazioni telefoniche verrà attivato un numero verde aziendale.

Chi non si presenta senza disdire paga il ticket
Continuano a essere troppi i cittadini che non si presentano per effettuare visite già prenotate. Oltre a fare in modo che gli utenti ricordino gli appuntamenti già fissati tramite i meccanismi di promemoria, occorre creare le condizioni perché sia possibile disdire le prenotazioni già effettuate e che da queste disdette si originino posti liberi effettivi, da utilizzare per altre persone. I sistemi aziendali devono quindi indicare la modalità con cui è possibile disdire. Delle disdette va tenuta traccia, e queste informazioni devono costituire il presupposto per l’applicazione del ticket alle prestazioni prenotate e non erogate per mancata disdetta, sia per i soggetti non esenti che per quelli esenti ticket.

Semplificazione delle agende e accesso diretto ai prelievi di sangue
Le agende delle prestazioni di primo accesso devono essere strutturate per specialità e non per singolo ambito/quesito diagnostico. Una conseguenza diretta di ciò è che eventuali prestazioni di secondo livello - per le quali prima esisteva un’agenda dedicata - , debbano essere erogate con presa in carico diretta da parte della struttura, senza che il paziente debba ripassare dal medico di medicina generale e dal CUP. Parallelamente le prestazioni disponibili con il CUP e non in agende gestite direttamente devono aumentare; in ogni distretto dev’essere garantito l’accesso diretto ai prelievi di sangue.

Liste di attesa e svolgimento dell’attività libero-professionale intramoenia
Ogni Azienda, in caso di superamento del rapporto tra attività di libera professione e istituzionale sulle prestazioni erogate e di sforamento dei tempi di attesa massimi già individuati dalla Regione, attuerà il blocco immediato dell’attività libero professionale.

Commenti (2)

  • A chi non disdice l'esame farei pagare il ticket DOPPIO!

  • Più personale???? Ma dove??? Visto che i concorsi per assumere son fermi a quattro anni fa??? Il personale é sempre lo stesso, che viene pagato per fare ore in più. Ma questi articoli chi li scrive? Gente poco informata. Comunque giustissimo far lavorare anche di sabato e domenica, ma solo se la gente da disponibilità altrimenti...col cavolo!!!!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -