Lugo, le Città invisibili a Bagnara di Romagna

Lugo, le Città invisibili a Bagnara di Romagna

LUGO - La fantasia, l'allegoria, il desiderio, l'amore per la città. Il capolavoro di Calvino "Le città invisibili", rivive attraverso arte, musica e letteratura in un'affascinante mostra, dal 2 ottobre al 24 ottobre, nella rocca sforzesca di Bagnara. Nelle sale del Castello verranno esposte le opere dell'artista italo-irlandese  Colleen Corradi Brannigan che, con fantasia fiabesca e forte tensione sperimentale, ha espresso tutte le suggestioni che la lettura dell'originale romanzo-mosaico di Calvino da anni ha saputo suggerirle.    Agli occhi dei visitatori sfileranno città misteriose rappresentate con tocco magico e onirico, in cui incisioni, disegni, acquerelli, sculture e litografie creano poetiche visioni.

 

L'esposizione, curata dalla stessa artista e realizzata dall'Assessorato alla Cultura e dalla coop. Il Mosaico, verrà inaugurata sabato 2 ottobre, alle ore 17. L'intervento del prof. Marco Sangiorgi ci introdurrà all'opera letteraria, approfondendo i caratteri che ne hanno fatto un classico della nostra letteratura. La Corradi Brannigan poi, illustrerà i propri lavori. Seguirà un piccolo rinfresco di dolci tradizioni d'autunno, offerto dalla Pro-loco.

 

Il mondo fiabesco e un po' inquietante creato dalle opere nella scenografia della rocca, sarà inoltre teatro ideale dello spettacolo di interpretazione musicale di composizioni originali al pianoforte di Daniela Taglioni, che, accompagnata dalla giovane attrice Briana Zaki che reciterà brani tratti dai racconti delle "Città invisibili", tradurrà anche in musica le splendide descrizioni di Marco Polo al Kublai Kan.

 

La cooperativa Il Mosaico è inoltre disponibile per visite guidate ed ha organizzato interessanti laboratori per le scuole.

ravenna

Commenti