Occhiali 3D vietati ai minori di 6 anni

Occhiali 3D vietati ai minori di 6 anni

Occhiali per la visione dei film in 3D vietati ai minori di sei anni. E' quanto ha stabilito il Consiglio Superiore di Sanità su indicazione del Codacons che aveva sollevato il problema degli effetti collaterali. Per quanto riguarda gli adulti, invece, l'uso andrebbe limitato nel tempo mentre sarebbe preferibile la diffusione del tipo monouso per evitare la trasmissione di infezioni batteriche e virali.

 

Secondo quanto riportato dal Consiglio Superiore di Sanità, "qualche disturbo di ordine funzionale" "può insorgere in soggetti di tenera età, sia perché ancora la visione binoculare non è presente o non è del tutto consolidata, sia perché essi possono essere affetti da strabismo o da ambliopia o da altro difetto visivo (diagnosticato o meno), sia perché possono trovarsi in fase di riabilitazione del visus". 

''Per effetto di tali decisioni già da martedì non sarà possibile la visione di film in 3D in quei cinema che non utilizzano occhiali monouso. "Pur avendo il Consiglio Superiore di Sanita' accolto parte delle nostre richieste, non possiamo dirci soddisfatti", ha affermato il Presidente Codacons, Carlo Rienzi

 

"Gli occhiali in 3D, infatti, a differenza di quanto sostiene il Consiglio devono considerarsi a tutti gli effetti occhiali, e come tali essere muniti di marchio CE come prevede la legge - ha spiegato -. A tal fine incaricheremo le Procure della Repubblica di tutta Italia di intervenire a tutela della salute degli spettatori''.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -