PARMA - A Fontevivo in un libro la bella Bellena e dintorni: vecchi mulini, chiaviche, canali in campagna

PARMA - A Fontevivo in un libro la bella Bellena e dintorni: vecchi mulini, chiaviche, canali in campagna

FONTEVIVO (PARMA) – Viaggio attraverso vecchi mulini, antiche chiaviche, quadrelli, corsi d’acqua, canali, fontanili e risorgive: la campagna fontevivese è ricca di sorprese, punteggiata da magici angoli da riscoprire dove sorgono edifici civili ed ecclesiastici di grande valore storico artistico.

A Bellena, frazione abitata da circa duecento persone, si trova l’elegante Villa Mandelli Montanari, uno dei più imponenti esempi di residenza in stile neoclassico. Tutto attorno corre una ricca rete di canali antichi: alcuni risalgono all’epoca seicentesca, la maggior parte è del periodo dell’Italia bianca dei monaci cistercensi.

Ed è proprio a Bellena che, giovedì 10 agosto dalle 10.30 nella ricorrenza di San Lorenzo, l’assessorato alla Cultura del Comune di Fontevivo presenta una importante pubblicazione di circa sessanta pagina che ripercorre il sistema dei canali e delle risorgive attraverso testi frutto di ricerca e approfondimento, sette mappe a colori espandibili, immagini la storia e la toponomastica del territorio.

Alle 10.30 è in carnet la Santa Messa officiata da don Franco Dall’Asta insieme ai sacerdoti della zona: seguirà alle 11.30 l’aperitivo letterario con presentazione e vendita dei libri firmati dalla studiosa Maria Cristina Basteri, con prefazione di Marzio Dall’Acqua direttore dell’Archivio di Stato di Parma e dell’assessore alla Cultura Franco Ballarini.

È proprio l’assessore Ballarini a presentare insieme al sindaco Massimiliano Grassi 0il libro invitando la cittadinanza a partecipare: «Oggi abbiamo bisogno di libri più di ieri perché la tradizione orale sta scomparendo e non dobbiamo privarci del piacere di conoscere la nostra storia. I residenti di Bellena, cosa curiosa equivalenti più o meno per numero a quelli dei secoli passati, potranno quasi per gioco individuare nelle mappe riprodotte nel libro vecchi tracciati di strade e confrontarli così con quelli odierni. La ricerca si fonda su una scrupolosa e rigorosa serietà scientifica fondata sulla consultazione di antichi documenti. Promuovere la conoscenza del nostro passato è un dovere al quale l’amministrazione comunale non può e non deve sottrarsi perché è indice di sviluppo futuro».

La collana di libri voluta dall’assessorato alla Cultura fontevivese in questi ultimi anni si va via via sempre più arricchendo di tasselli unici e preziosi: in questa monografia dedicata a Bellena e dintorni, i lettori troveranno il tracciato del Canale del Duca voluto da Ranuccio e disegnato dall’architetto Smeraldo Smeraldi; ci sarà il canale Vecchio, il canale Forcello che si biforcava dividendo Bellena da Bianconese; il canale Nuovo; la Gaiffa che toponomasticamente deriva da un termine longobardo “Gahagi” per indicare una terra di ruscelli e risorgive; il rio Scagno; il corso d’acqua Recchio dove risuona quel “Raggio” o “irrigium” che riporta alle operazioni di bonifica dei monaci cistercensi. Ci sarà anche un richiamo alla villa di Bellena, con pianta a ferro di cavallo, progettata verso la fine del XVIII secolo.

Chi fosse interessato ad avere informazioni o a prenotare il volume, può contattare il dirigente Valentino Rizzi: ufficio Cultura, Comune di Fontevivo. Centralino tel. 0521-611911.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -