Ravenna: bimba morta, ad ucciderla uno shock con infezione polmonare da stafilococco

Ravenna: bimba morta, ad ucciderla uno shock con infezione polmonare da stafilococco

Ravenna: bimba morta, ad ucciderla uno shock con infezione polmonare da stafilococco

RAVENNA - Uno shock con infezione polmonare da stafilococco. E' questa la causa della morte di Luigia Lanzano, la bimba di 3 anni, figlia di una coppia di Afragola. E' quanto è emerso dall'autopsia eseguita dal professor Adriano Tagliabracci e disposta dal pubblico ministero della Procura di Ravenna Monica Gargiulo. Per il decesso della piccola, avvenuto il 19 febbraio scorso nel reparto di Rianimazione di Ravenna, sono indagati due medici.

 

Si tratta del pediatra del pronto soccorso dell'ospedale ravennate che aveva visitato la bimba il 26 gennaio e la pediatra di base che aveva in cura la bambina e che l'aveva visitata il 16 febbraio. I due sono stati iscritti nel registro degli indagati per consentire loro di nominare consulenti tecnici di fiducia. Sono difesi dagli avvocati Ermanno Cicognani, Licia Zanetti e Monica Miserocchi.

 

Nel frattempo i genitori della piccola hanno smentito che un camice bianco si sarebbe rivolto loro con l'affermazione "i soliti napoletani piagnoni), dicendosi rammaricati per come è stata trattata la notizia dalla stampa.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -