Rogo alla Thyssen Krupp, imputati rinviati a giudizio per omicidio volontario

Rogo alla Thyssen Krupp, imputati rinviati a giudizio per omicidio volontario

Rogo alla Thyssen Krupp, imputati rinviati a giudizio per omicidio volontario

Per il rogo alla Thyssen Krupp a Torino, che costò la vita a sette operai, il gup Francesco Gianfrotta, ha rinviato i sei imputati a giudizio con l'accusa di omicidio volontario. A tutti è contestata anche l'omissione dolosa di cautele antinfortunistiche. Il giudice ha anche accolto la richiesta  di rinvio a giudizio della Tyssen come persona giuridica perchè, come spiegato dal pm Raffaele Guariniello, "il reato è stato commesso nell'interesse e a vantaggio della società".

 

GLI IMPUTATI - Sono stati rinviati a giudizio l'amministratore delegato Harald Espenhan (che dovrà rispondere dell'accusa di omicidio volontario con dolo eventuale) e altri cinque dirigenti e dipendenti della Thyssen Krupp. Si tratta di Gerald Prigneitz, Marco Pucci, Giuseppe Salerno, Daniele Moroni e Cosimo Cafueri accusati di omicidio colposo con colpa cosciente. Ai sei, inoltre, è contestata anche l'omissione dolosa di cautele antinfortunistiche. L'inizio del processo, che si svolgerà in Corte d'Assise, è stato fissato per il 15 gennaio.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -