Terremoto in Romagna, altre scosse dopo il panico di notte

Terremoto in Romagna, altre scosse dopo il panico di notte

Terremoto in Romagna, altre scosse dopo il panico di notte

CESENA - Tutti l'hanno sentito. Forte e minaccioso. Più volte per tutta la giornata di martedì e buona parte della successiva nottata. Molti si sono allarmati ed hanno contattato il 115. Sono ore di paura e smarrimento quelle che stanno attraversando gli abitanti della Valle del Savio, alle prese dalle 14.40 di martedì con un sciame sismico. Sono 38 le scosse con magnitudo superiore al secondo grado della scala Richter registrate dai sismografi.

 

"La più forte è stata misurata poco dopo la mezzanotte ed ha avuto una magnitudo di 3.7 Richter, che equivale al IV - V grado della scala Mercalli", ha spiegato Flavio Linguerri, sismologo e direttore dell'osservatorio di Casola Valsenio. Un'altra scossa di magnitudo 3.2 si è verificata alle 06.07. Dopo una breve pausa, ci sono state tre scosse poco dopo l'ora di pranzo: alle 12.41 di magnitudo 2.9 e alle 12.54 e 13.14, quest'ultime di magnitudo 2.2.

 

"Fare previsioni è impossibile - ha chiarito Linguerri -. Nei secoli nel nostro territorio non sono mai accaduti eventi catastrofi. Si tratta di uno sciame sismico che dovrebbe esser in fase di assestamento". Si tratta di scosse molto vicine alla superficie (si parla di una profondità non superiore ai dieci chilometri): "Ecco perché nelle vallate i cittadini hanno percepito anche quelle più deboli", ha spiegato il direttore dell'osservatorio sismologico di Casola Valsenio.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -