Un ponte del 2 giugno d’oro per il turismo dell'Emilia Romagna

''Sono - dichiara l’assessore Regionale al Turismo, Andrea Corsini - risultati straordinari e numeri da Ferragosto''

Un ponte del 2 giugno d’oro per il turismo dell’Emilia Romagna. Questa la “fotografia”, fornita dall’Osservatorio sul Turismo regionale, sull’andamento dello scorso week end che stima in 320mila arrivi e oltre 820mila le presenze complessive in Riviera e un incremento del +16,5% (rispetto al 2016) degli arrivi ai caselli autostradali della Riviera. Buoni i dati complessivi stimati per le Città d’Arte e Cultura dell’Emilia Romagna con 60mila arrivi e circa 120mila presenze. ''Sono - dichiara l’assessore Regionale al Turismo, Andrea Corsini - risultati straordinari e numeri da Ferragosto. Un’importante conferma a ridosso dell’avvio della stagione turistica quella che arriva anche dall’ultimo Ponte di primavera. Una grande soddisfazione per l’intenso lavoro che, in Emilia Romagna, si sta svolgendo per rispondere adeguatamente a una domanda turistica che sta cambiando. Non può né deve esaurirsi più tutto nell’arco di tre mesi: efficace e determinante l’attività sinergica tra pubblico e privato, sia in termini di offerta che di promozione”.

“Sulla Riviera dell’Emilia Romagna - secondo le stime dell’Osservatorio sul Turismo dell’Emilia Romagna - negli oltre 3.000 alberghi aperti (238.000 posti letto disponibili) nel ‘weekend lungo’ del 2 giugno, è stata registrata un’occupazione camere media dell’88% che ha prodotto un movimento di 210.000 arrivi ed oltre 500.000 presenze (permanenza media di poco superiore a 2 notti). Si stima che altri 110.000 arrivi e 320.000 presenze siano state registrate nelle strutture ricettive complementari (campeggi, appartamenti, agriturismo, bed&breakfast), per un totale complessivo per la Riviera di 320.000 arrivi ed oltre 820.000 presenze”.

Per quanto riguarda il movimento nelle Città d’Arte e Cultura dell’Emilia Romagna - aggiunge l’Osservatorio sul Turismo - nei 287 alberghi (con circa 30.000 posti letto disponibili) nelle 3 giornate di vacanza tra il 2 e il 4 giugno, è stata registrata un’occupazione camere media del 76% che ha prodotto un movimento di circa 26.000 arrivi e 47.000 presenze (permanenza media superiore a 2 notti). Si stima che altri 33.000 arrivi e 72.000 presenze siano state registrate nelle strutture ricettive complementari (appartamenti, bed&breakfast), per un totale complessivo per le Città d’arte e Cultura dell’Emilia Romagna di 60.000 arrivi e circa 120.000 presenze”. A tutto questo, per l’Osservatorio sul Turismo regionale, si è aggiunto il “tutto esaurito per diversi turni negli oltre 1.200 ristoranti, pubblici esercizi e aziende agrituristiche mentre i Parchi di divertimento della Riviera sono stati invasi nel weekend da oltre 150mila visitatori”. Attive anche le 19 stazioni termali della regione, che hanno accolto tantissimi turisti amanti di relax e benessere.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -