Via libera della Giunta alla valutazione dei direttori generali e delle Ausl

La Giunta ha dato il via libera anche alle delibere che chiudono la valutazione sia dei direttori generali delle aziende Ausl e ospedaliere nominati dalla precedente Giunta per l’anno 2014

Valutazione dei direttori generali delle aziende sanitarie - La Giunta ha dato il via libera anche alle delibere che chiudono la valutazione sia dei direttori generali delle aziende Ausl e ospedaliere nominati dalla precedente Giunta per l’anno 2014 e i primi due mesi del 2015 sia dei nuovi direttori generali, nominati dal primo marzo 2015. Per rafforzare l’imparzialità, la trasparenza e la terzietà dei processi di valutazione, la Giunta ha ampliato le competenze dell’Organismo indipendente di valutazione per gli enti e le aziende del Servizio sanitario regionale (OIV-SSR), specificando come l’istruttoria del processo di valutazione rimanga in carico alla Direzione Cura della persona, Salute e Welfare.

E’ stata prevista invece la predisposizione diretta, da parte dell’OIV-SSR, dell’istruttoria valutativa relativa all’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna e all’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena. In queste Aziende, infatti, l’attuale assessore regionale alle Politiche per la salute, che non ha partecipato alla seduta di Giunta di oggi, e l’attuale direttore della Direzione Cura della persona, Salute e Welfare hanno svolto, nel corso del 2014, il ruolo di direttore generale. Per questi due casi, quindi, l’istruttoria e la valutazione è stata compiuta direttamente dall’OIV-SSR in modo da garantire una piena terzietà alla valutazione stessa.

Le valutazioni 2014, relative a una parte variabile della remunerazione pari allora al 20% della parte fissa, hanno individuato una percentuale di raggiungimento degli obiettivi compresa fra il 50% e il 85%, corrispondenti al riconoscimento di un premio di risultato compreso fra il 10% e il 17% della parte fissa. Agli importi determinati sulla base della valutazione è stata applicata una riduzione del 15%.

Per i direttori nominati dalla nuova Giunta, cui sono stati assegnati obiettivi di mandato coerenti con il programma di legislatura e i cui contratti prevedono una riduzione del 50% della parte variabile riconosciuta, passata dal 20% al 10% della parte fissa, viene valutato il periodo 1 marzo-31 dicembre 2015. L’obiettivo di maggior rilievo ai fini della valutazione è stato il rispetto degli obiettivi sulle liste di attesa, che da solo ha pesato su un terzo della valutazione, formulata, anche nel 2015, dall’OIV. Le valutazioni 2015 hanno individuato una percentuale di raggiungimento degli obiettivi ricompresa fra il 79.64% e il 94.06%, corrispondenti al riconoscimento di una quota variabile compresa fra il 7,96% e il 9,41% della parte fissa, ridotta a un massimo del 10%.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -