Ancora in calo, ma si riduce la flessione: le imprese giovanili sono oltre 28mila

La discesa è però meno accentuata rispetto allo scorso anno. La tendenza è più pesante a livello nazionale (-2,8 per cento), mentre è solo più contenuta in Piemonte e Veneto

Sono 28.891, il 7,2 per cento delle imprese regionali. In un anno se ne sono perdute 589 (-2,0 per cento). La discesa è però meno accentuata rispetto allo scorso anno. La tendenza è più pesante a livello nazionale (-2,8 per cento), mentre è solo più contenuta in Piemonte e Veneto, ma peggiore in Lombardia. Il crollo nelle costruzioni (-486 unità, -8,5 per cento) determina la tendenza insieme con la riduzione nel commercio (-198 imprese, -2,7 per cento). L’unico contributo positivo dall’agricoltura e dalla pesca (+88 imprese, +3,8 per cento). La tendenza si traduce in una caduta delle ditte individuali (-552 unità).

A fine settembre le imprese attive giovanili sono risultate 28.891, pari al 7,2 per cento delle imprese regionali, la quota più bassa tra le regioni italiane. In un anno la perdita è di 589 imprese (-2,0 per cento), mentre le altre imprese sono diminuite dello 0,6 per cento. Questa è l’evidenza principale che emerge dai dati del Registro delle imprese delle Camere di commercio elaborati da Unioncamere Emilia-Romagna. A livello nazionale, le imprese giovanili scendono a 478.255 (-2,8 per cento), pari al 9,3 per cento del totale, mentre le altre imprese confermano la tendenza positiva e segnano un lieve aumento (+0,1 per cento). Le imprese giovanili aumentano solo in Trentino-Alto Adige (+1,9 per cento). Le riduzioni più rilevanti si sono registrate in Basilicata (-4,8 per cento) e in Calabria (-4,7 per cento). L’andamento negativo delle imprese giovanili risulta più contenuto in Piemonte (-1,7 per cento) e in Veneto (-1,8 per cento) e più pesante in Lombardia (-2,1 per cento).

I settori

La diminuzione delle imprese giovanili è determinata soprattutto dal pesante crollo delle imprese delle costruzioni (-486 unità, -8,5 per cento), che dallo scorso secondo trimestre hanno visto ritornare al segno rosso l’andamento del volume d’affari. A questo si è aggiunta la flessione delle imprese dell’insieme dei servizi (-121 imprese, -0,6 per cento). Ma mentre nel settore del commercio la riduzione è marcata (-198 imprese, -2,7 per cento), nell’aggregato di tutti gli altri settori dei servizi la consistenza delle imprese giovanili è aumentata (+77 imprese, +0,7 per cento). È sensibile la riduzione delle imprese dell’industria (-77 unità, -3,2 per cento). Infine, risultano invece in buona crescita solo le imprese giovanili attive nell’agricoltura, silvicoltura e pesca (+88 imprese, +3,8 per cento).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La forma giuridica

La riduzione è da attribuire principalmente alla flessione molto ampia delle ditte individuali (-552 unità, pari a -2,5 per cento). La caduta è più veloce per le società di persone (-6,3 per cento, pari a 125 unità). Entrambe le tendenze sono riconducibili all’attrattività della normativa delle società a responsabilità limitata semplificata, che sostiene la forte crescita delle società di capitale (+137 unità, +2,9 per cento). 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -