Borsa, giorno storico per Hera: la multiutility entra nel FTSE MIB

Da lunedì la multiutility nell’indice azionario di Borsa Italiana che comprende i 40 maggiori titoli di Piazza Affari

L’ingresso di Hera, una delle principali multiutility italiane, nell’indice è stato determinato dal livello di capitalizzazione del flottante e dal controvalore delle azioni scambiate negli ultimi sei mesi (+52% rispetto alla media del 2018).

Questo traguardo è sorretto da un percorso di crescita ininterrotta di Hera, avviato 16 anni fa e basato su un modello multibusiness che coniuga la crescita interna con lo sviluppo per linee esterne e che mostra un mix di attività resiliente alle principali variabili macro dello scenario.

Il nuovo Piano industriale al 2022 evidenzia un’ulteriore prospettiva di crescita del Margine operativo lordo (+200 milioni di euro nel periodo 2018-2022), sostenuto da 3,1 miliardi di investimenti (di cui 1,1 destinati allo sviluppo) e una generazione di cassa in crescita che garantisce il mantenimento della solidità finanziaria (target 2022 del rapporto Posizione Finanziaria Netta su MOL pari a 2,9x).

Il Piano conferma anche l’attenzione alla creazione di valore per gli azionisti, con una politica di dividendi che mira a remunerare le azioni nel 2022 con una cedola di 11 centesimi (rispetto ai 9,5 centesimi corrisposti nel 2018).

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -