Sicurezza sul lavoro, appello di Napolitano: "Nessun cedimento"

Sicurezza sul lavoro, appello di Napolitano: "Nessun cedimento"

Sicurezza sul lavoro, appello di Napolitano: "Nessun cedimento"

Non si deve arretrare di fronte all'emergenza della sicurezza nei luoghi di lavoro. E' il nuovo appello che arriva dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in un messaggio inviato al sindaco di Campello di Clitunno, Paolo Pacifici, in occasione del quinto anniversario del disastro in cui quattro persone morirono per lo scoppio di una cisterna. L'inquilino del Quirinale sostiene che vada "in ogni caso rifiutata l'idea che si tratti comunque di inevitabili tragiche fatalità"

 

Ecco perché "alcun cedimento è ammissibile" sul fronte della lotta alla sicurezza nei luoghi di lavoro. E lo è "al di là della drammatica complessità dei fatti e delle conseguenti difficoltà nell'accertamento, essenziale perché possa esservi giustizia, delle responsabilità che simili eventi spesso presentano".

 

Napolitano rivolge un appello affinchè vi sia "l'impegno di tutti, istituzioni pubbliche, anche locali, mondo delle imprese, pubblica opinione, insieme con la vigile consapevolezza degli operatori, affinché la sicurezza e la dignità del lavoro abbiano quella valenza primaria che la costituzione pone a fondamento della Repubblica".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -