Muore il dittatore coreano Kim Jong II: figlio pronto alla successione

Un nuovo capitolo si apre in Oriente. E’ morto, infatti, il leader della Corea del Nord, Kim Jong II. Scene di disperazione tra la popolazione vengono trasmesse a ciclo continuo dalle trasmissioni televisive nazionali. Il presidente è morto mentre stava viaggiando in treno, probabilmente stroncato dal troppo stress accumulato in questi mesi e in questi anni di lavoro e di tensioni internazionali.

Già nei mesi scorsi il presidente era stato colpito da un ictus che l’aveva fortemente debilitato. Tuttavia pareva che le cure a cui era stato sottoposto l’avessero rimesso in sesto; evidentemente non era così. E’ certo, però, che stesse preparando la successione alla guida del suo paese che spetterà al suo terzogenito.

La morte improvvisa di Kim Jong avrà inevitabilmente ripercussioni. Nella vicina Corea del Sud si è diffuso l’allarme di possibili invasioni militari, ma al momento non si registrano movimenti;  aveva posto Pyongyang in una posizione di isolamento nazionale per effetto del suo programma di potenziamento atomico.

La morte di Kim Jong II ha avuto ripercussioni anche sulle borse, che hanno chiuso le contrattazioni in negativo per effetto dei timori di tensioni geopolitiche legate alla morte del presidente della corea del nord. Obama si tiene in contatto con Seul per monitorare la situazione.
 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -