Bossi attacca Fini: ''Non ci si può contare''

Bossi attacca Fini: ''Non ci si può contare''

Bossi attacca Fini: ''Non ci si può contare''

ROMA - "Su Fini non ci si può più contare". E' quanto ha affermato il leader della Lega Umberto Bossi secondo il quale il premier Silvio Berlusconi e il presidente della Camera "non si prendono più", ma al tempo stesso "Berlusconi dice che ha i numeri per andare avanti". All'osservazione che però i voti arriveranno probabilmente da ex Udc e da altri siciliani, Bossi ha replicato: "La Sicilia è lontana". E segnali poco distensivi arrivano anche dall'Mpa di Raffaele Lombardo.

"C'è poco da stare tranquilli - ha affermato a "Il Mattino", il governatore della Sicilia - L'Mpa ha cinque deputati, non cinquanta, e quindi non saranno quelli a turbare i sonni del Cavaliere ma noi proseguiamo la nostra strada". Insomma il sì all'esecutivo non è affatto scontato: "Vedremo cosà dirà e farà per il Sud".

"Il governo non raggiungerà la maggioranza di 316 deputati senza l'apporto dei finiani e dell' Mpa. Ma anche se ci riuscisse non servirebbe a nulla - ha dichiarato invece il leader dell'Udc, Pier Ferdinando Casini -. Se Berlusconi non chiederà più il voto di fiducia raggiungere o meno la quota di 316 non ha più senso, salvo che non serva a chiedere lo scioglimento delle Camere".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -