La Regione sostiene le Unioni dei Comuni: in arrivo 16 milioni di finanziamenti straordinari

“E’ un gesto di attenzione molto concreta verso chi ha scelto di gestire insieme funzioni e attività, in modo da ridurre i propri costi e liberare così risorse per i servizi alla persona, il sostegno alle imprese e al lavoro e la cura del territorio”, sottolinea Saliera

I Comuni dell’Emilia-Romagna che hanno dato via a Unioni godranno di quasi 16 milioni di euro di finanziamenti straordinari. La Regione Emilia-Romagna ha ripartito i fondi (regionali e statali) a sostegno dell’associazionismo tra Enti locali. “Coerentemente a quanto detto in questi anni, sosteniamo quelle comunità che, cogliendo le opportunità offerte dalla legge regionale 21 del 2012, hanno dato vita a Unioni di Comuni”, spiega Simonetta Saliera, vicepresidente della Regione Emilia-Romagna e assessore al Bilancio.

“E’ un gesto di attenzione molto concreta verso chi ha scelto di gestire insieme funzioni e attività, in modo da ridurre i propri costi e liberare così risorse per i servizi alla persona, il sostegno alle imprese e al lavoro e la cura del territorio”, sottolinea Saliera. “In Emilia-Romagna le riforme si fanno e non si predicano solo: grazie alla legge 21 in meno di due anni sono nate 46 Unioni che, insieme ai Comuni capoluogo, raggruppano il 90% dei cittadini emiliano-romagnoli. Si tratta di un risultato di valore nazionale”.

Nello specifico alle Unioni del piacentino arriveranno 1,1 milioni di euro; 1,5 milioni di euro a quelle del parmense; 2,4 milioni di euro a quelle reggiane; 3,1 milioni di euro nel modenese; 2,8 milioni di euro per le Unioni del bolognese; 505.000 euro per il ferrarese; 1,1 milioni di euro nel ravennate; 1,9 milioni di euro per Forlì-Cesena e un milione di euro nel riminese.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -