giovedì, 24 aprile

Nel feudo di Stoner la bandiera di Lorenzo's land

Prima la pole, poi la vittoria. Jorge Lorenzo è riuscito nell'impresa di mettere la bandierina sul feudo di Casey Stoner, dove nelle ultime sette edizioni ha vinto per cinque volte

Prima la pole, poi la vittoria. Jorge Lorenzo è riuscito nell’impresa di mettere la bandierina sul feudo di Casey Stoner, dove nelle ultime sette edizioni ha vinto per cinque volte. Lo spagnolo ha fatto la differenza quando sono crollate le gomme, mettendo pressione ad un affaticato e dolorante Stoner che nella prima parte di gara aveva fatto il vuoto. Una volta liberatosi dell’australiano, il maiorchino della Yamaha si è preso una vittoria importante in chiave campionato.

“Ho dato il massimo, è stata una gara incredibile – ha esordito Lorenzo -. Ho fatto un buon ritmo e per questo sono riuscito a prendere Stoner e a resistere ad un Dani (Pedrosa, ndr) in ottima forma. Nei test invernali abbiamo dimostrato di aver un buon potenziale e lo abbiamo ribadito in pista”. Un risultato che soddisfa il campione del mondo, soprattutto considerando di aver vinto le Honda “molto competitive nel warm-up. Per questo è stato importante vincere qua”.

Ben Spies ha chiuso un weekend difficile, condizionato da due cadute, con un undicesimo posto: “Torneremo a Jerez con la speranza che i problemi siano risolti – ha affermato l’ex campione del mondo della Superbike -. Abbiamo solamente avuto un grand problema con il chattering, quindi dobbiamo lavorare per capire quale sia stata l’origine del problema. Sono contento della vittoria di Lorenzo, la Yamaha sta lavorando bene”.

Jorge Lorenzo
motogp
motomondiale

Commenti