Super Pedrosa ad Aragon, Lorenzo 2°: "Non era giornata". Delude Rossi

La vittoria davanti al pubblico di casa, la quarta stagionale, ha permesso al portacolori della Repsol Honda di ridurre a 33 i punti di ritardo da Jorge Lorenzo

Peccato per lo zero di Misano. Perchè il Dani Pedrosa visto ad Aragon è in forma campionato. La vittoria davanti al pubblico di casa, la quarta stagionale, ha permesso al portacolori della Repsol Honda di ridurre a 33 i punti di ritardo da Jorge Lorenzo, che si è accontentato del secondo posto. Il portacolori della Yamaha, quando mancano solo quattro gare alla fine, vede sempre più vicino il secondo titolo nella classe regina.

"Non era giornata e in questi casi è meglio restare freddi e salvare i punti - ha esordito Pedrosa -. Dani sta meglio di noi quindi è meglio portare a casa punti". Torna a sorridere Pedrosa dopo la delusione di Misano: "Il weekend è stato duro e non era facile rimanere concentrato dopo Misano - ha esordito lo spagnolo -. Inoltre c'è stata anche la caduta durante le prove e i meccanici sono stati bravissimi a metter a posto la moto".

Sesto podio stagionale per Andrea Dovizioso, che ha regolato il compagno di squadra Cal Crutchlow al termine di due giri da cardiopalma. L'obiettivo del pilota di Forlì è il terzo posto in campionato, attualmente occupato da Casey Stoner atteso al rientro tra due settimane in Giappone. "Era importante tornare tra i migliori - ha detto il forlivese -. Ho fatto fatica perchè non ero veloce, ma la strategia per battere Crutchlow e Spies si è rivelata ottima. Ora ci saranno due piste che mi piacciono e penso di poter far molto bene".

Quinto Ben Spies (Yamaha) davanti alle Honda di Alvaro Bautista e di Jonathan Rea. Solo ottavo Valentino Rossi, condizionata da un'uscita di pista al primo giro e un'altra escursione nella sabbia nel finale. "Sono deluso perchè avevamo il passo per il sesto posto - ha evidenziato il nove volte campione del mondo -. La moto è migliorata, ma dove c'è poco grip soffriamo tanto. A Motegi possiamo far bene".

Paura per Nicky Hayden, catapultato oltre le barriere in un'uscita di pista: trasportato al centro medico, non gli sono state riscontrate lesioni. In Moto 2 vittoria per Pol Espargaro (Kalex) davanti al leader campionato Marc Marquez (Suter) e Scott Redding. Quarto Andrea Iannone. Settimo il poleman Simone Corsi, nono Claudio Corti. In Moto 3 successo per lo spagnolo Luis Salom su Sandro Cortese, sempre più vicino al titolo. Ko per problemi meccanici Maverick Vinales e Romano Fenati. Decimo Niccolò Antonelli

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -