Superbike a Imola, "festival" di bandiere rosse: Rea beffa Sykes, Melandri e Giugliano ok

E' di Jonathan Rea la migliore prestazione nella prima giornata di prove del Gran Premio di Imola, quarto round del mondiale Superbike.

E' di Jonathan Rea la migliore prestazione nella prima giornata di prove del Gran Premio di Imola, quarto round del mondiale Superbike. L'irlandese della Honda del team Pata ha firmato la migliore prestazione in 1'48"147. 30 millesimi più rapido del leader del campionato Tom Sykes su Kawasaki. Bene gli italiani, con Marco Melandri terzo a 114 millesimi dalla vetta, e Davide Giugliano quinto a 182 (il pilota romano era stato il più rapido al mattino).

Tra l'Aprilia del ravennate e la Ducati Panigale numero 34 si è inserita l'altra RSV4 di Sylvain Guintoli, che ha accusato un ritardo di 176 millesimi. Sesto Chaz Davies (Ducati) davanti alla Honda di Leon Haslam, alla Suzuki di Eugene Laverty, alla Kawasaki di Loris Baz e alla prima delle moto 'Evo', la Bmw di Leon Camier.

Positiva la prestazione della wildcard Ivan Goi, dodicesimo con la Ducati del team Barni (+1.773) davanti alla Ducati Althea di Nicolò Canepa. Quindicesimo Ayrton Badovini con la Bimota; 18esimo Luca Scassa (Kawasaki team Pedercini) davanti a Claudio Corti (MV Agusta) e Andreozzi (Kawasaki team Pedercini).Solo 23esimo Michel Fabrizio, con la Kawasaki del team Grillini.

La sessione è stata condizionata da due bandiere rosse, la prima per un incendio all'altezza della curva del Tamburello fuori la pista e la seconda, che ha chiuso definitivamente il turno di prove a dodici minuti dal termine, per la rottura della griglia di drenaggio alla curva 4).

Dall'inviato, Giovanni Petrillo

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -