Superbike, Biaggi ipoteca il titolo: "Ma a Magny Cours darò il massimo"

E' stato un Gran Premio del Portogallo denso di emozioni quello che si è disputato domenica a Portimao. Il colpo di scena è arrivato al primo giro di Gara 1

Max Biaggi vicinissimo al secondo titolo Superbike. Marco Melandri scioccato dopo aver riportato una contusione al rene destro. E' stato un Gran Premio del Portogallo denso di emozioni quello che si è disputato domenica a Portimao. Il colpo di scena è arrivato al primo giro di Gara 1, quando Biaggi e Melandri si sono resi protagonisti di un corpo a corpo pulito alla curva 13.

Melandri, dopo aver subìto l'attacco del "Corsaro", ha cercato di riprendersi la posizione, ma, tradito dal bagnato, è finito a terra. Nell'incidente è stato colpito alla schiena dall'Aprilia di Chaz Davies, che non è riuscito ad evitare il pilota della Bmw. "Quando mi sono rialzato ho temuto di essermi fatto veramente male". Il ravennate ha avuto un calo di pressione, venendo trasportato all'ospedale di Faro, dove gli hanno riscontrato la contusione al rene destro.

Biaggi non ha vinto, ma ha ipotecato il titolo. In Gara 1, vinta da Tom Sykes, ha chiuso al quarto posto, mentre in Gara 2 ha portato a casa un buon terzo posto alle spalle del compagno di squadra Eugene Laverty e di Jonathan Rea. Non senza brividi: il "Corsaro" ha rischiato di finire a terra dopo esser stato colpito da Leon Camier (Suzuki) in un'azzardata manovra di sorpasso.

"Sono state de gare davvero dure, strane sotto certi punti di vista - ha affermato Melandri -. In Gara1 le condizioni erano completamente diverse da quelle trovate in prova, ed anche in Gara2 con pista asciutta il grip non era ottimale. Considerando le difficoltà ed i molti contatti, sono contento del quarto e terzo posto che ci riconfermano in testa alla classifica". A Magny Cours a Biaggi servono due piazzamenti per metter mano al titolo: "Come sempre dando il massimo".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -