giovedì, 17 aprile

Superbike, show ad Assen. Vince Guintoli, favola Giugliano. Impresa Biaggi

La prima manche di Assen è la dimostrazione di quanto il campionato delle derivate di serie sia decisamente più divertente della più blasonata MotoGp

Dici Superbike. Leggi spettacolo. Con asciutto e pioggia non c’è gara senza emozioni. La prima manche di Assen è la dimostrazione di quanto il campionato delle derivate di serie sia decisamente più divertente della più blasonata MotoGp. Il diluvio che si è abbattuto sul tracciato olandese ha regalato la prima vittoria di Sylvain Guintoli, portacolori della Ducati del team Effenbert Liberty Racing. Alle sue spalle altre 1198, quelle del team Althea di Davide Giugliano e Carlos Checa.

Il pilota romano, 22 anni, campione Superstock 2011, ha battuto il compagno di squadra dopo un bel duello, vinto solo all’ultima staccata. “Temevo di averlo toccato, ma in realtà non l'ho neanche sfiorato – ha evidenziato un emozionato Giugliano -. Ora spero di continuare così. E’ un sogno esser sul podio al mio primo anno in Superbike”. “E’ stata una gara difficile per le condizioni. Davide è stato fantastico. E’ una prestazione importante per il team”.

La pioggia ha aiutato Max Biaggi risalito dalla 17esima alla quarta posizione. Un’impresa del “Corsaro” dell’Aprilia, in difficoltà sull’asciutto, che ha preceduto il compagno di squadra Eugene Laverty. Gara 1 è stata divisa in due manche per l’arrivo della pioggia a nove giri dalla fine. Prima della bandiera rossa davanti a tutti c’era la Bmw di Marco Melandri, caduto poco prima dell’interruzione. Sotto il diluvio, il ravennate è naufragato al nono posto.

Sotto il diluvio volava anche la Bmw di Leon Haslam, ma l’inglese ha compromesso la sua splendida prestazione finendo rovinosamente sull’erba. Si mangia le mani anche Ayrton Badovini, incappato in un high-side mentre si trovava al comando. Il 25enne di Biella, residente a Castel Bolognese, ha così spianato la strada a Guintoli, che si è regalato la prima vittoria nel mondiale Superbike. Ritirato per il ko della sua Kawasaki Tom Sykes, mentre si trovava al comando.

Sylvain Guintoli
superbike

Commenti