Superbike, Rea a 4 decimi da Davies: "C'è ancora tanto lavoro da fare"

A dividere i due oltre quattro decimi. Per dirla alla Tom Sykes, terzo ad oltre otto decimi, lo stile di guida di Chaz si addice alle caratteristiche della pista e della Panigale R

Imola accende la rivalità tra Chaz Davies e Jonathan Rea. I due principali antagonisti alla corsa al titolo 2017 del mondiale Superbike si sono divisi il venerdì, con il gallese della Ducati a fine giornata più rapido del nordirlandese della Kawasaki. A dividere i due oltre quattro decimi. Per dirla alla Tom Sykes, terzo ad oltre otto decimi, lo stile di guida di Chaz si addice alle caratteristiche della pista e della Panigale R. Rea si consola: "Sono più veloce delle scorso anno, ma Chaz ha un ritmo molto buono e dovremo lavorare bene nelle ultime libere prima della Superpole".

Il dominatore della prima parte del campionato entra nel dettaglio: "La moto è agile e si comporta bene, ma c'è bisogno di una maggiore stabilità nell'anteriore. Dovremo inoltre lavorare sulla stabilità in frenata. Su questa pista le staccate sono molto importanti. Inoltre abbiamo bisogno di una maggiore accelerazione in uscita dalle varianti". Rea sembra aver in mente la gomma da utilizzare per la gara: "Con la morbida non è andata male, nel finale ho girato col pneumatico usato con buone sensazioni. Sono ottimista, ma certamente dobbiamo colmare il gap che ci separa da Davies. L'importante comunque è non fare errori, anche un podio andrebbe bene".

Non è ancora al top della forma fisica Sykes: "Va meglio rispetto ad Assen, ma non siamo ancora nella condizione perfetta. Penso, in generale, che è andata relativamente bene. Stiamo lavorando sodo per arrivare al migliore set-up e per essere onesti il ​​nostro passo di gara è già abbastanza buono. Dobbiamo solo capire un paio di cose nel corso della FP3, ma l'equilibrio che abbiamo trovato è accetabile. Inoltre sto imparando e scoprendo alcune cose nuove sulla pista. Nel complesso è stata una buona giornata, ma dovremo lavorare per migliorare in termini di velocità".

Dall'inviato, Giovanni Petrillo

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -