Superbike, Rea inizia da "Cannibale" a Imola. Brutta caduta per Laverty

Verde contro rosso nelle FP1 del Gran Premio di Imola Superbike. Comanda Jonathan Rea

Jonathan Rea fa il vuoto nel primo turno di prove libere del Gran Premio d'Italia, quinto round del mondiale Superbike. Tra i sali e scendi del Santerno il portacolori della Kawasaki si è presentato in versione Cannibale, prendendosi la leadership col crono di 1'46"636 ad una media di 166,638 km/h. Tra ha completato 21 passaggi, impegnato in un programma di lavoro alla ricerca del miglior set-up. La Ducati Panigale V4 risponde presente, ma col gallese Chaz Davies. Il numero 7, che con Imola ha un feeling speciale, ha chiuso a 288 millesimi, rifilando più di tre decimi al compagno di squadra e leader di campionato Alvaro Bautista. Lo spagnolo deve ancora prendere confidenza con una pista "old style", ricca di insidie; le stesse che hanno tradito Eugene Laverty.

Il britannico della Ducati del team Go Eleven ha già dovuto abbandonare il weekend per una brutta caduta alle Acque Minerali. L’irlandese è riuscito a lasciare la pista autonomamente, senza l’aiuto dei commissari, ed è stato trasferito all’ospedale di Imola dove sono state confermate due fratture al polso destro. Il pilota andrà a Barcellona perché il Dottor Mir, medico specializzato e molto conosciuto nel mondo motociclistico, possa visitato e valutare se sarà necessario un intervento chirurgico. Al momento non è previsto nessun ricovero.

Segnali di risveglio per Marco Melandri dopo le difficoltà incontrate negli ultimi round. Il ravennate della Yamaha del team Grt ha occupato l'ottava piazza dietro Leon Haslam (Kawasaki), Tom Sykes (Bmw), Michael Van Der Mark (Yamaha) e Michael Ruben Rinaldi (Ducati Barni). 14esima la wildcard Lorenzo Zanetti; 18esimo Alessandro Delbianco (Honda). 

Giovanni Petrillo

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -