Superbike show a Imola, Rea e Davies vanno a braccetto: stesso tempo!

Bravissimo il cesenate Lorenzo Savadori, che ha portato l'Aprilia del team Milwaukee al quarto posto col tempo di 1'47"396

Imola è una pista a cui dare del "lei", che nasconde parecchie insidie tra i suoi sali e scendi, soprattutto nelle variante. Fare un giro perfetto è praticamente impossibile se non si è concentrati al 110%. Jonathan Rea e Chaz Davies sono due mastini che riescono ad esprimere il massimo in riva al Santerno. È sono stati loro i protagonisti della prima giornata di prove libere del Gran Premio d'Italia, quinto round del mondiale Superbike. Il nordirlandese della Kawasaki e il gallese della Ducati, dopo aver lavorato in funzione della gara, hanno dato vita ad uno spettacolare duello a distanza a suon di giri veloci. Alla bandiera a scacchi Davies ha stampato al millesimo lo stesso crono di Rea, 1'46"686, 440 millesimi meglio di Marco Melandri.

Bravissimo il cesenate Lorenzo Savadori, che ha portato l'Aprilia del team Milwaukee al quarto posto col tempo di 1'47"396. Alle spalle del talento romagnolo si è piazzata la Yamaha di Michael Van Der Mark, a 775 millesimi dalla leadership. In meno di un secondo ci sono racchiusi ben undici piloti. Si sono qualificati per la Superpole anche Tom Sykes (Kawasaki), Xavi Fores (Ducati Barni), Leon Haslam (Kawasaki Puccetti), Jordi Torres (MV Agusta) e Michael Ruben Rinaldi (Ducati Aruba Junior Team). Si è arreso al dolore Leon Camier, incappato nelle prime libere in una caduta alla Variante Alta. Il portacolori della Honda Red Bull era al rientro dopo l'incidente in Gara 1 a Portimao. 

Dell'inviato Giovanni Petrillo

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -