Un tuffo nel passato per vivere la leggenda dei motori: a Imola il Motor Legend Festival

Si tratta della prima manifestazione italiana capace di raccogliere centinaia di vetture che hanno fatto la storia delle competizioni automobilistiche mondiali

Un tuffo nel passato. L'autodromo Enzo e Dino Ferrari ospiterà dal 20 al 22 aprile il MotorLegendFestival, manifestazione unica nel panorama motoristico italiano. Si tratta della prima manifestazione italiana capace di raccogliere centinaia di vetture che hanno fatto la storia delle competizioni automobilistiche mondiali. L’idea nasce dalla passione e dall’esperienza di Vito Piarulli, organizzatore di Rallylegend, e di Andrea Gallignani, figura importante del mondo imprenditoriale, legato storicamente all’automobilismo,  in particolare alla Formula 1, che hanno voluto coprire un vuoto replicando nel settore della velocità il successo pluridecennale di Rallylegend stesso: permettere agli appassionati di vivere il motorsport a stretto contatto con i campioni di oggi e del passato prossimo e di osservare in pista le esibizioni di bolidi che hanno fatto la storia dell’automobilismo mondiale vincendo corse come la 24 Ore di Le Mans o la Targa Florio e svariati Gran Premi di Formula 1.

MotorLegend Festival diventerà quindi per tre giorni il riferimento internazionale imprescindibile per tutti coloro che hanno vissuto l’epopea delle grandi classiche e per chi, come i più giovani, non ha mai avuto l’opportunità di vedere in azione vetture entrate nell’immaginario collettivo. Creato con il Patrocinio delle Segreterie di Stato allo Sport e al Turismo della Repubblica di San Marino e di Motor Valley e in collaborazione con la Federazione Automotoristica Sammarinese e Fa Master Historic Formula One a cui si è aggiunto il dinamismo di un collaboratore d’eccezione come Daniele Audetto, MotorLegend Festival 2018 sarà un grande contenitore di eventi.

Padrini saranno gli ex piloti di F1 Riccardo Patrese e Arturo Merzario e il quindici volte iridato di motociclismo, Giacomo Agostini. Tre campioni conosciuti universalmente, per imprese sportive scolpite nella storia del motorsport a quattro e due ruote, che hanno accettato con entusiasmo di affiancare il loro nome a quello di MotorLegendFestival. Un atto di apprezzamento sportivo e di sostegno convinto, che inietta nelle vene dell’evento imolese una robusta dose di adrenalina. Hanno confermato la loro presenza tra gli altri anche Freddie Spencer e Sir Phil Read. La presenza di Merzario in qualità di testimonial non è casuale: il pilota italiano ha un rapporto molto stretto con Imola. Nel 1971 regalò la prima affermazione alla Ferrari 512 M che dominò la 300 KM valida per il campionato Interserie mentre l’anno successivo vinse la 500 KM con la Ferrari 312 PB, vettura che in quella stagione trionfò nel campionato mondiale prototipi. Merzario si calerà nell’abitacolo di una delle Alfa Romeo 33 del Museo Storico Alfa Romeo di Arese, tipologia di vettura con cui il campione italiano ha contribuito a suon di trionfi alla conquista dei campionati del mondo marche 1975 e sport 1977.

La macchina organizzativa lavora a pieno ritmo e la manifestazione non lesinerà di certo sulle attività da proporre: dalle auto e moto storiche in pista impegnate nelle diverse gare previste, ai momenti celebrativi che faranno rivivere attimi speciali della storia del motorsport. Dal tributo a Enzo Ferrari del quale quest’anno ricorrono i 120 anni dalla nascita e 30 dalla scomparsa, nell’agosto 1988, a quello ad Ayrton Senna per i 30 anni dalla conquista del suo primo titolo di campione del mondo di F1, da Jim Clark a 50 anni dalla sua scomparsa ai 50 anni di storia di Martini Racing.

Ad accrescere l’appetito degli appassionati ci penseranno poi i Legendary Moments presenti nel programma di pista (http://www.motorlegendfestival.com/programma/). Si tratta di momenti dedicati a campioni del passato (ma forse anche del presente) e a vetture di particolare interesse che scenderanno in pista per la gioia di chi in quegli anni c’era ma anche di chi li ha solo visti in foto o video. Un mix di eventi che sapranno stuzzicare la curiosità degli appassionati cui verranno regalate carrellate di ricordi a spasso nei tempi. L’apertura al pubblico di MotorLegendFestival è prevista per venerdì 20 aprile con un ricco programma in pista e fuori.

Sono sette le gare previste nel corso di Motor Legend Festival, cinque delle quali riunite nel Masters Historic Racing: Fia Masters Historic Formula One (1° GP San Marino Storico, Trofeo Elio de Angelis), FIA Masters Historic Sports Cars (1° 500Km Revival, Trofeo Lodovico Scarfiotti), Masters Endurance Legends, Masters Pre 66 Touring Cars, Stena Line Gentlemen Drivers Pre-66 GT Cars, Young Timer Touring Cars Trophy, una gara riservata a vetture Turismo costruite dal 1982 al 2002 e tra queste la Scuderia del Portello ha previsto una premiazione riservata alle vetture Alfa Romeo.

A queste gare si aggiungeranno anche le prestigiose corse Ferrari  F1 clienti. Tutte insieme, in pista, di nuovo in gara, le regine a quattro ruote della velocità, quelle che hanno fatto sognare chi oggi ha i capelli spruzzati d’argento, ma anche occasione unica per i più giovani di vedere in azione le Formula 1, i Prototipi e tante macchine da corsa che hanno fatto la storia della loro passione per i motori. Un ventaglio di possibilità che sicuramente soddisferà anche i palati più fini di piloti e appassionati. Per assistere ad uno spettacolo unico e ad una sinfonia di motori affascinante.

I biglietti per uno o due giorni o per l’intero fine settimana sono acquistabili attraverso TicketOne mentre i biglietti speciali Motor Legend Experience e MotorLegend Speed Gold & Platinum possono essere acquistati direttamente attraverso il sito della manifestazione www.motorlegendfestival.com dove sono previsti anche pacchetti per i gusti più diversi. A seconda delle tipologie si avrà accesso al paddock, alla pit-lane ed ai box Ferrari, si potranno effettuare giri di pista a bordo di supercar guidate da piloti professionisti o con la propria auto, si avrà accesso a tribune coperte con posti riservati, parcheggio auto riservato e possibilità di pranzare in autodromo. Un evento che con la propria offerta saprà soddisfare anche gli appassionati dai palati più fini.

Giovanni Petrillo

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -