2 giugno, Napolitano: ''Orgogliosi del nostro ruolo''

2 giugno, Napolitano: ''Orgogliosi del nostro ruolo''

2 giugno, Napolitano: ''Orgogliosi del nostro ruolo''

ROMA - Hanno assunto una valenza particolare i festeggiamenti della Repubblica perché caduti nell'anno del 150mo dell'Unità. L'inno di Mameli e poi le Frecce Tricolori hanno dato il via alla Festa con il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che si è raccolto in un minuto di silenzio davanti alla salma del Milite Ignoto. L'inquilino del Colle è stato accolto da uno scrosciante battimano della folla, che si è radunata per assistere alla parata militare.

 

L'arrivo del premier Silvio Berlusconi all'Altare della Patria è stato accolto da una bordata di fischi, alla quale hanno fatto seguito alcuni applausi. In occasione del 150° anniversario dell'Unità nazionale, sono 80 i Paesi che hanno inviato delegazioni in Italia. Tra di loro, più di 40 capi di Stato, tra i quali il presidente russo Dimitry Medvedev, quello israeliano Simon Peres, quello dell'Autorità nazionale palestinese Abu Mazen, re Juan Carlos di Spagna.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dagli Stati Uniti è arrivato il vicepresidente Joe Biden. Presente anche il segretario di Stato delle Nazioni Unite Ban Ki-moon. "Nell'anno in cui celebriamo il centocinquantesimo dell'Unità d'Italia, il 2 giugno ci offre un'opportunità del tutto speciale per soffermarci a riflettere sulla storia del nostro Paese e sui grandi eventi che l'hanno segnata", ha affermato il presidente della Repubblica.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -