Minzolini rinviato a giudizio, processo al via l'8 marzo

Il direttore del Tg1, Augusto Minzolini, è stato rinviato a giudizio a seguito dell’inchiesta che lo ha visto coinvolto con l’ipotesi di reato di peculato a seguito del presunto utilizzo indebito di una carta di credito aziendale

Il direttore del Tg1, Augusto Minzolini, è stato rinviato a giudizio a seguito dell’inchiesta che lo ha visto coinvolto con l’ipotesi di reato di peculato a seguito del presunto utilizzo indebito di una carta di credito aziendale con la quale avrebbe compiuto spese ‘pazze’ a carico della Rai. Il processo comincerà il prossimo 8 marzo.

Sdegnata la reazione del giornalista, che collega l’episodio con il tentativo di rimuoverlo dall’incarico. “Volevano farmi saltare dalla direzione del Tg1 – ha commentato - già quando c’era il voto di fiducia al Senato il 14 dicembre 2010. Quello che non sopporto di questa vicenda è che vengono utilizzati strumenti del genere per raggiungere l’obiettivo. Questo vi dà l’idea della società di trogloditi in cui viviamo”.

Nell’arco di 14 mesi il direttore del principale telegiornale italiano avrebbe sforato di 65mila euro il budget di spesa affidatogli. Minzolini se la prende con l’ex direttore generale Mauro Masi: “in questa vicenda è stato un pusillanime, uno leggero, perché per due anni l’azienda non mi ha contestato nulla”.
 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -