A capo della sanità romagnola. Intervista a Basenghi: "Nuovo impulso a Pievesestina"

A capo della sanità romagnola. Intervista a Basenghi: "Nuovo impulso a Pievesestina"

A capo della sanità romagnola. Intervista a Basenghi: "Nuovo impulso a Pievesestina"

CESENA - Maria Basenghi, la direttrice dell'Ausl di Cesena, è la nuova coordinatrice dell'Area Vasta Romagna (Avr) della sanità regionale. Fresca di nomina ha risposto alle domande di RomagnaOggi.it mettendo in luce cosa cambierà all'interno della rete della Ausl di competenza. Si volta pagina, dopo le polemiche che a più riprese sono piovute su Tiziano Carradori, direttore dell'Ausl a Ravenna e precedente coordinatore di Area Vasta.

 

Le parole d'ordine su cui si fonda il nuovo ordine sono: condivisione e collaborazione.

 

Dottoressa la sua nomina era nell'aria, se lo aspettava. E' corretto?

Si, me lo aspettavo, perché la nomina viene fatta dai Direttori generali di Area vasta che scelgono al loro interno la persona a cui affidare le funzioni di coordinamento.

Quando le è giunta la notizia e cosa ha provato in prima battuta?

La nomina è avvenuta martedì mattina, quando si è riunito il tavolo dei direttori di Avr ed ho avuto la conferma di quanto già era emerso dalle prime "consultazioni" interne. Ho accettato la nomina con spirito di servizio, consapevole che dovrò affrontare un importante compito non solo dal punto di vista del carico di lavoro, ma soprattutto da quello delle responsabilità, insite nel ruolo di coordinamento.

La prima attività su cui punterà con il suo nuovo incarico?

L'incarico è di coordinamento e lo eserciterò nel segno della continuità rispetto ai progetti già avviati, cercherò di dare rinnovato impulso ai progetti del Polo unico di Pievesestina che comprende, oltre al Laboratorio Unico, anche il magazzino farmaceutico di Avr e il magazzino economale, questi ultimi in via di implementazione. Inoltre punteremo sui coordinamenti professionali nell'ottica del miglioramento della rete assistenziale di Avr.


Come cambierà la sua giornata?

Dovrò dedicare alcune ore a sviluppare azioni di accompagnamento delle politiche di Avr sempre in stretta collaborazione con i colleghi. Le decisioni saranno comunque prese all'unanimità. Va detto che è in via di emanazione una direttiva regionale sul funzionamento delle Aree Vaste e ciò certamente contribuirà a rendere ancora più trasparenti e a fluidificare i percorsi decisionali di Avr.


Quale sviluppo futuro prevede per i progetti di Area Vasta?

Il coordinamento si sostanzia in una funzione di facilitazione e accompagnamento del lavoro del tavolo dei direttori generali, la cui collaborazione è fondamentale per la buona riuscita dei progetti. Diverse vicende nell'ultimo anno hanno influenzato i ritmi e le modalità di lavoro del tavolo dei Direttori generali di Area vasta. Il mio futuro impegno è di ripartire a pieno ritmo, accelerando alcuni percorsi e cercando di lavorare favorendo lo spirito di gruppo. Partire dalla ri-condivisione degli obiettivi comuni per poi rafforzare il clima di collaborazione è un impegno che ho assunto.

 

Infine mi può dare un giudizio sull'operato del suo predecessore, Tiziano Carradori?

La figura di Tiziano Carradori e la sua indubbia capacità è stata certamente determinante per la buona riuscita dei progetti di Area vasta Romagna e noi colleghi Direttori generali continueremo a contare sul suo apporto per il futuro.

 

Alessandro Mazza

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -