A Cesena Market Retrò: auto, moto e accessori d'epoca in vetrina

A Cesena Market Retrò: auto, moto e accessori d'epoca in vetrina

CESENA - La Romagna “d’è mutor” si da appuntamento sabato 25 e domenica 26 nei padiglioni fieristici di Pievesestina di Cesena per “Market Rètro, Mostra scambio di auto, moto, accessori e ricambi d’epoca. Una manifestazione che è già nel cuore di tanti, perché la passione dei motori (moto ed auto) non si ferma al rombo dei nuovi modelli, ma si nutre anche di cromature e di dettagli che restituiscono l’originalità di un mezzo vecchio o antico.


Bastano due nomi, Miura e Fiat 500, per evocare due miti di anni recenti, e che tuttora sono testimoniabili da chi ha guidato, posseduto e viaggiato su queste quattro ruote che hanno “fatto epoca”, ognuna a modo suo. Se la Lamborghini Miura era uno status symbol di successo e denaro, la “500” (pochissini la definivano Fiat 500) ha consentito alla gran massa di persone di essere “automuniti” (come si diceva), in una parola ha motorizzato l’Italia assai più della sua “sorella maggiore” la Fiat 600.
A Market Retrò si potranno ammirare vari modelli Lamborghini e parecchie 500.


La rassegna, che si aprirà alle ore 8.30, sabato 25 novembre verrà inaugurata ufficialmente alle ore 11.30 da Giordano Conti, Sindaco di Cesena. Market Retrò, organizzata da Cesena Fiera, vede la partecipazione di circa 200 espositori, provenienti dall’ Italia e dall’estero, e consente ad appassionati e curiosi di rimanere soddisfatti: i primi perché possono trovare auto e moto vecchie in vendita, oppure ricambi e pezzi per le proprie auto o moto d’epoca, per i secondi c’è di che stupirsi: ltre ai mezzi esposti ci si può perdere ammirando decine e decine di volanti o manubri, specchietti e contachilometri. Addirittura saranno esposti vecchi libretti di circolazione.


In un a parola, un viaggio, istruttivo, all’interno della storia più o meno recente della motorizzazione.A questo proposito, notevole interesse potranno avere alcune carrozze a cavallo, i cui modelli faranno comprendere come ci si muoveva in gruppo prima del motore a scoppio e che allora “accendere il motore” era assai più complicato che girare una chiavetta, perché vi saranno varie dimostrazioni di come si attaccavano i cavalli alle carrozze stesse.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Ritornando alle auto, nella parte espositiva si vedranno una ventina di Jaguar: dalla E Type alla Xjs. E per la Lamborghini non ci si è limitati a far vedere vari modelli, ma si è voluto raccontare l’attività del “grande” Ferruccio Lamborghini, portando anche un paio di trattori e alcuni bruciatori (altri rami di attività dell’imprenditore emiliano). Poi, accanto alla Miura, ci sono anche la Islero e la Barchetta Mille Miglia provenienti dal Museo Lamborghini.


Per la Fiat 500 sono in mostra varie realizzazioni fra cui una Moretti coupè, una spider, e certamente la 500 della Polizia susciterà interesse. Va sottolineato che domenica 26 si terrà un raduno di Fiat 500 per iniziare (anche se un po’ in anticipo) i festeggiamenti per il compleanno della popolare utilitaria, che fece “rombare” il motore nel 1957, 50 anni fa

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -