A Rimini nasce l�Istituto Tecnico Superiore per il Turismo e il Benessere

A Rimini nasce l’Istituto Tecnico Superiore per il Turismo e il Benessere

A Rimini nasce l�Istituto Tecnico Superiore per il Turismo e il Benessere

RIMINI - Un nuovo corso di Istruzione superiore post - diploma arricchirà l'offerta scolastica nella provincia di Rimini. Si tratta dell'Istituto Superiore per il Turismo e il Benessere, che farà parte della rete di alta formazione della Regione Emilia Romagna. Saranno in tutto nove, uno per provincia, i nuovi ITS (Istituti Tecnici Superiori) istituiti, con l'obiettivo di caratterizzare l'offerta formativa regionale legandola alle vocazioni economiche e sociali specifiche dei singoli territori.

 

La scelta di creare nella Provincia di Rimini un polo di specializzazione sul turismo e il benessere permetterà di fornire al sistema riminese figure professionali nuove, legate ad una offerta turistica a 360 gradi con competenze relative ai diversi turismi, da quello balneare a quello enogastronomico, culturale, a quello del benessere.

 

"Nelle prossime settimane l'Istituto verrà ufficialmente presentato- dichiara l'Assessore alle Politiche della Formazione della Provincia di Rimini, Meris Soldati- e si tratta davvero di un salto in avanti per il tessuto educativo e socioeconomico locale in termini di innovazione nel campo in cui siamo da decenni eccellenza internazionale".

 

"Approfitto peraltro di questa occasione - aggiunge - per precisare alcune affermazioni apparse sulla stampa locale da parte di Aleardo Maria Cingolani e del consigliere provinciale Marina Mascioni, riguardanti il tema delle qualifiche e della formazione in ambito nautico. E' bene ricordare le modalità tecniche attraverso le quali vengono istituite sui territori le offerte formative e le relative qualifiche: queste non possono essere inventate dai singoli territori, ma devono essere scelte e coordinate all'interno di un elenco concordato a livello nazionale e regionale. Sulla base di questo elenco prefissato ogni provincia può scegliere, tenendo conto delle singole vocazioni territoriali e delle relative eccellenze, e con la regia della Regione, un'offerta formativa articolare e raccordata con le imprese dell'area territoriale di riferimento".

 

"Ciò garantisce - aggiunge -, sia la predisposizione di un'offerta formativa sostenibile in rapporto alle risorse disponibili, sia di contrastare il proliferare di offerte del secondo ciclo di istruzione e formazione, in particolare di percorsi di nicchia. La nostra scelta, concertata insieme alle parti sociali e alle categorie economiche, è ricaduta sull'offerta relativa al turismo e benessere, ambiti nei quali ci è stato riconosciuto un indiscusso ruolo di eccellenza e leadership."

 

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -