Aborto, il Papa: ''Mai terapeutico, i medici non ingannino''

Aborto, il Papa: ''Mai terapeutico, i medici non ingannino''

Aborto, il Papa: ''Mai terapeutico, i medici non ingannino''

ROMA - L'aborto non può mai essere considerato "terapeutico" e i medici "non ingannino" le donne. È quanto ha affermato Benedetto XVI ricevendo in udienza l'assemblea generale della Pontificia accademia per la vita. Quando ci sono problemi di salute, "la donna viene spesso convinta, a volte dagli stessi medici, che l'aborto rappresenta non solo una scelta moralmente lecita, ma persino un doveroso atto "terapeutico" per evitare sofferenze al bambino e alla sua famiglia".

 

Lo sfondo culturale, ha aggiunto il Papa, è caratterizzato "dall'eclissi del senso della vita, in cui si è molto attenuata la comune percezione della gravità morale dell'aborto e di altre forme di attentati contro la vita umana". Per Ratzinger "l'aborto non risolve nulla, ma uccide il bambino, distrugge la donna e acceca la coscienza del padre del bambino, rovinando, spesso, la vita famigliare".

 

Secondo il Pontefice "è necessario porre l'attenzione sulla coscienza, talvolta offuscata, dei padri che spesso lasciano sole le donne incinte". Il Papa ha inoltre evidenziato che le donne che hanno vissuto il "dramma" dell'aborto, vanno aiutate dalla società.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -