Abruzzo, 49 i comuni danneggiati dal terremoto

Abruzzo, 49 i comuni danneggiati dal terremoto

Abruzzo, 49 i comuni danneggiati dal terremoto

L'AQUILA - Sono 49 i comuni abruzzesi che hanno avuto danni in seguito al devastante terremoto del 6 aprile scorso. È quanto stabilito da un decreto firmato giovedì dal commissario per l'emergenza Guido Bertolaso. Di questi, 37 si trovano in provincia dell'Aquila, cinque in provincia di Teramo e sette in provincia di Pescara. La lista comprende tutti i comuni che hanno risentito di un'intensità calcolata in base alla scala Mercalli uguale o superiore al sesto grado.

 

ECCO L'ELENCO DEI COMUNI DANNEGGIATI.
Provincia dell'Aquila: Acciano, Barete, Barisciano, Castel del Monte, Campotosto, Capestrano, Caporciano, Carapelle, Calvisio, Castel di Ieri, Castelvecchio Calvisio, Castelvecchio Subequeo, Cocullo, Collarmele, Fagnano Alto, Fossa, Gagliano Aterno, Goriano Sicoli, L'Aquila, Lucoli, Navelli, Ocre, Ofena, Ovindoli, Pizzoli, Poggio Picenze, Prata D'Ansidonia, Rocca di Cambio, Rocca di Mezzo, San Demetrio nè Vestini, San Pio delle Camere, Sant'Eusanio Forconese, Santo Stefano di Sessanio, Scoppito, Tione degli Abruzzi, Tornimparte, Villa Sant'Angelo e Villa Santa Lucia degli Abruzzi.
Provincia di Teramo: Arsita, Castelli, Montorio al Vomano, Pitracamela e Tossicia.
Provincia di Pescara: Brittoli, Bussi sul Tirino, Civitella Casanova, Cugnoli, Montebello di Bertona, Popoli e Torre dè Passeri.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

INDAGINI - Intanto prosegue a ritmo spedito il lavoro della Procura dell'Aquila finalizzato a far luce sulle cause dei controlli o lesioni degli immobili. I magistrati hanno stilato un primo elenco di costruttori da interrogare (circa una ventina) che hanno realizzato le strutture sequestrate. Gli interrogatori verranno effettuato una volta acquisiti tutti i documenti necessari a ricostruire la genesi degli edifici e non appena saranno pronti i primi risultati delle perizie sui reperti sequestrati.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -