Abruzzo, si scava ancora: 291 le vittime

Abruzzo, si scava ancora: 291 le vittime

Abruzzo, si scava ancora: 291 le vittime

Sale a 291 il bilancio delle vittime del sisma che sta interessando l'Abruzzo. A L'Aquila è stato infatti ritrovato il corpo di un'anziana donna in un edificio in via XX Settembre, di fronte a quella che era la Casa dello Studente. Si è scavato per tutta la notte di sabato anche tra le macerie di via Gabriele D'Annunzio, dove un i segnali dei geomicrofoni hanno fatto credere alla possibilità di trovare qualcuno ancora in vita. Intanto si cerca di tornare alla normalità.

 

SI CERCA LA NORMALITA' - Nelle 32 tendopoli sono iniziati i preparativi per la celebrazione dei riti religiosi legati alla Pasqua. Sotto il coordinamento della Curia arcivescovile dell'Aquila e con l'aiuto dei volontari della Protezione Civile, si stanno allestendo piccoli altari di fortuna per consentire le celebrazioni delle messe. Sono tornate ad alzarsi le saracinesche in diversi negozi. E nel frattempo la terra continua a tremare. Dopo una notte apparentemente tranquilla, i sismografi dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, hanno registrato alle 7.39 una scossa di magnitudo 3.3, seguita alle 8,57 e alle 9,04 da altre due scosse di 3,2. L'epicentro è stato localizzato tra L'Aquila, Pizzoli e Fossa

 

SCHIFANI - Nel capoluogo abruzzese è arrivato anche il presidente del Senato Renato Schifani. "Il Paese sta soffrendo insieme a tutta questa gente, è un lutto nazionale, le vittime sono vittime di un intero paese e non soltanto dell'Abruzzo", ha dichiarato. "Tutte le istituzioni, tutte le forze politiche - ha aggiunto - stanno dando prova di grande maturità e coesione sociale, alla quale si è sempre appellato il Capo dello Stato". "Sono certo - ha concluso Schifani - che il popolo abruzzese, i parenti delle vittime, sentiranno forte attorno a sé l'unità di questo nostro grande Paese. Ce la possono fare e ce la faranno".

 

APPELLO - Il prefetto di L'Aquila, Franco Gabrielli, ha invitato le persone che volessero trascorrere le festività pasquali nell'Aquilano a non venire in quanto sono in corso le operazioni di soccorso ed è necessario lasciare le strade libere. "Non è ora di gite fuori porta. Preghiamo queste persone di non venire all'Aquila, perché qui il lavoro non è finito. Tutte le forze impegnate nel soccorso hanno bisogno di spazio e anche i mezzi non devono avere intralci sul sistema viario", ha affermato.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

INCHIESTA - La procura della Repubblica dell'Aquila, che ha disposto l'apertura di un'inchiesta per il crollo di edifici pubblici all'Aquila, come l'ospedale, la Casa dello Studente ed il tribunale, ha affidato a tre tecnici l'incarico di compiere perizie sui materiali di costruzione. Si tratta di tecnici della Protezione civile, dei vigili del fuoco e di un tecnico civile. Nella prossima settimana saranno esaminate le macerie sequestrate ed i documenti relativi alla progettazione degli edifici.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -