Abruzzo, ''il giorno del dolore ma anche della speranza''

Abruzzo, ''il giorno del dolore ma anche della speranza''

Abruzzo, ''il giorno del dolore ma anche della speranza''

"E' il giorno del dolore ma anche della speranza". Sono le parole pronunciate dal cardinal Tarcisio Bertone, segretario di Stato Vaticano, prima di entrare nel grande cortile della scuola della Guardia di Finanza di Coppito (L'Aquila) che alle 11 ospiterà i funerali solenni per le vittime del terremoto. Sono 205 le bare, sopra le quali c'è un fiore, allineate. Sono già presenti, dalle prime ore del mattino, i parenti delle vittime. La caserma può ospitare circa 10mila persone.

 

Per consentire lo svolgimento dei funerali, nel giorno del Venerdì Santo in cui la Chiesa ricorda la crocefissione di Gesù, è arrivata la dispensa straordinaria del Papa. La cerimonia è concelebrata dall'Arcivescovo metropolita dell'Aquila, monsignor Giuseppe Molinari e da tutti i vescovi dell'Abruzzo e del Molise.

 

IL MESSAGGIO DEL PAPA - Monsignor George Gaenswein, segretario di Benedetto XVI, ha letto ad inizio cerimonia il messaggio del Santo Padre. "Sono certo che con l'impegno di tutti si può far fronte alle necessità più impellenti", ha scritto il Pontefice. Il Papa, "spiritualmente vicino" "in queste ore drammatiche" alle persone colpite dalla "immane tragedia del terremoto", implora "da Dio il riposo eterno per le vittime, la pronta ripresa dei feriti, per tutti il coraggio di continuare a sperare senza cedere allo sconforto". Ratiznger ha assicurato che "la Santa Sede intende fare la sua parte, unitamente alle parrocchie, agli istituti religiosi e alle aggregazioni laicali. Questo è il momento dell'impegno, in sintonia con gli organismi dello Stato, che già stanno lodevolmente operando".

 

SOLIDARIETA' E FRATERNITA' - "L'Italia intera è oggi raccolta attorno alle bare delle vittime del terremoto, e mostra di credere nei valori della solidarietà e fraternità. Questi sono valori saldi nel popolo italiano". Sono le parole del cardinale Tarcisio Bertone, invitando all' "omaggio alle vittime", al "compianto e alla preghiera", "stretti idealmente attorno alle bare" e accanto alle "autorità civile e militari che testimoniano la solidale presenza dell'intero popolo italiano". Bertone è certo che "si tornerà con più forza, con più coraggio a ridare vita a questi luoghi; con la forza e la dignità d'animo che vi contraddistingue". Nel corso dell'omelia il cardinale ha anche ricordato Marco Cavagna, il vigile del fuoco di Treviolo colpito da un infarto mentre si stava recando nelle zone terremotate.

 

AUTORITA' - Tra le autorità il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, che ha abbracciato i familiari delle vittime, il Capo dello Stato Giorgio Napolitano, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, numerosi ministri, i vertici di Camera e Senato, numerosi esponenti di maggioranza e opposizione, oltre che ai rappresentanti di tutti i Comuni abruzzesi.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

NUOVO BILANCIO - E purtroppo aumenta il bilancio dei morti, salito a 289. Sono stati ritrovati, infatti, altri due corpi sotto le macerie di un palazzo in via Roma, a L'Aquila. Di ora in ora si affievoliscono le speranza di trovare in vita chi è rimasto intrappolato sotto le macerie.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -