Accordo tra mafia e massoneria per ritardare i processi: 8 arresti

Accordo tra mafia e massoneria per ritardare i processi: 8 arresti

Accordo tra mafia e massoneria per ritardare i processi: 8 arresti

Boss e massoneria insieme, in una sorta di joint venture, per riuscire a ritardare l'iter giudiziario di alcuni processi di mafia tra Agrigento e Trapani. Ma adesso l'organizzazione e' stata scoperta e arrestata. In carcere sono finite, all'alba di oggi, otto persone fermate in diverse citta'. L'accusa e' di concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione in atti giudiziari, peculato, accesso abusivo in sistemi informatici giudiziari e rivelazione di segreti d'ufficio.

 

I provvedimenti sono stati emessi dal gip del tribunale di Palermo, Roberto Conti, su richiesta del Procuratore Francesco Messineo, dell'aggiunto Roberto Scarpinato e del pm della Dda, Paolo Guido.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo una prima ricostruzione delle indagini, i boss avrebbero pagato tangenti a persone appartenenti a logge massoniche, per ritardare i procedimenti giudiziari in corso nei confronti di alcune personalità mafiose. L'indagine "Hiram" della procura di Palermo è scattata dai carabinieri nel 2006.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -