Addio a Vittorio Foa: il coraggio delle idee, la concretezza dell'azione politica

Addio a Vittorio Foa: il coraggio delle idee, la concretezza dell'azione politica

E' morto a 98 anni Vittorio Foa. A dare la notizia della scomparsa, d'intesa con la famiglia, è stato il segretario del Pd, Walter Veltroni.

Ho avuto la grande fortuna di conoscere di persona e frequentare Norberto Bobbio, non quella di conoscere di persona il suo grande amico e compagno Vittorio Foa, ma fin dai primi anni Novanta, all'epoca della mia personale formazione politica e culturale mi sono confrontato con i loro testi. Sono sempre stato affascinato dalla loro vita straordinaria, dal loro impegno civile e sociale, dalla loro incredibile libertà di pensiero.

Due veri maestri, di quelli che parlano - senza retorica - con l'esempio. E con l'esempio agiscono.

 

Dagli esordi in "Giustizia e Libertà" negli anni Trenta, passando per la Resistenza, per la Costituente, per la militanza nel Psi, nella Cgil, nel Psiup, e ancora con la vicinanza al Pci come indipendente, e poi con l'impegno attivo nella fondazione del PDS e poi del PD, Foa ha attraversato l'intera storia del movimento operaio e della sinistra italiana: lo ha fatto sempre ricercando, con coraggio, le giuste vie; con spirito costruttivo e critico, con intensa passione e tanta, tantissima, sobrietà.

 

Uomo politico, sindacalista, docente di Storia Contemporanea (presso l'Università di Modena), scrittore, giornalista, Foa ha sempre coltivato il dialogo con tutte le generazioni (come attesta anche il suo intenso lavoro e il suo avvincente scambio intellettuale con Federica Montevecchi, con la quale aveva scritto, da ultimo, "Le parole della politica", presentato proprio nel luglio scorso con la co-autrice dall'Istituto Gramsci nell'ambito della Festa Provinciale del PD).

 

Tra i tanti pensieri di Foa, utili alla prosecuzione di un cammino democratico coraggioso e limpido, mi piace scegliere il seguente, tratto da "Le parole della politica" (Einaudi, 2008):

 

"Le scelte qualche volta sono difficili, ma non bisogna avere paura: si deve scegliere. Ogni scelta ha le sue ragioni e avere consapevolezza delle ragioni degli altri non diminuisce il valore della scelta".

 

Un grandissimo insegnamento per chi intende il partito democratico come il partito della libera scelta e dell'impegno inteso come, appunto, esempio. «Foa - come ha sottolineato Veltroni - incarnava ai miei occhi il modello del militante della democrazia, con una meravigliosa storia di sofferenza, lotta e speranza, un uomo della sinistra e della democrazia mosso da un ottimismo contagioso e da un elevatissimo disinteresse personale».

 

Disinteresse personale, ottimismo contagioso, capacità di ascolto e di porre domande: elementi essenziali che un maestro ha tramandato a generazioni e generazioni di democratici. Con straordinario coraggio e profonda libertà.

 

Thomas Casadei

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

direttore Istituto Gramsci Forlì

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di pietro
    pietro

    Non ho condiviso la scelta della famiglia di fare annunziare la morte da Walter veltroni. Non ho condiviso l'adesione sostanziale di Vittorio Foa al PD. Foa non aveva colto la tragedia legata alla formazione del PD, la tragedia di una nomenclatura che per salvare se stessa abbandona al suo destino la classe operaia ed abiura il socialismo sperando di cancellarlo dall'orizzonte e dal futuro. Mi piace ricordare Vittorio Foa irriducibile antifascista in galera per otto anni, Foa segretario della CGIL, Foa una mente che non si fermava neppure per un istante di riflettere, soppesare, studiare... Lo ricordo come Maestro nella CGIL accanto a Santi che era il suo esatto contrario e con il quale tuttavia costituiva una coppia formidabile. Pietro Ancona sindacalista cgil in pensione socialista

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -