Addio Raimondo Vianello, ''un signore del palcoscenico''

Addio Raimondo Vianello, ''un signore del palcoscenico''

Addio Raimondo Vianello, ''un signore del palcoscenico''

ROMA - Se ne è andato "un signore del palcoscenico che ha legato il suo nome a dei momenti indimenticabili della televisione italiana e anche un amante del vero calcio". Il presidente della Fiat e della Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo, ha commentato così la scomparsa di Raimondo Vianello, attore e conduttore televisivo che con la moglie Sandra Mondaini è stato uno dei volti più noti della tv italiana. Ma è tutto il mondo dello spettacolo e non solo a piangerlo.

 

"Ha dato tanto a chi lo ha seguito", ha affermato attraverso il quotidiano Affaritaliani.it. Paolo Bonolis. Con lui, ha aggiunto il celeberrimo conduttore televisivo, "muore con lui un'intera generazione. La generazione di Corrado, di Tognazzi e giustappunto di Vianello". Bonolis considerava Vianello "come uno dei miei maestri. Una delle persone che ha sicuramente ispirato parte del mio comportamento, senza dubbio. Lui aveva questa sorta di comicità slow e molto inglese che mi ha sempre affascinato".

 

"Con Raimondo Vianello se ne va uno dei simboli dell'Italia migliore - ha commentato il portavoce del Pdl, Daniele Capezzone -. Intelligente, spiritoso, umanissimo, popolare ma mai basso. Un maestro dello spettacolo e della comunicazione e anche un protagonista di un Paese intelligente e civile. Lo rimpiangeremo a lungo, unendoci al dolore e al ricordo di tutti quelli che lo hanno conosciuto e apprezzato".

 

Anche dal Milan un messaggio di cordoglio: "Vianello ha dato tantissimo allo sport italiano -ha aggiunto il club rossonero sul sito ufficiale - sia a livello di passione e attenzione che di partecipazione effettiva con la conduzione della trasmissione calcistica Pressing. Il Milan e tutti i milanisti si uniscono al cordoglio dei suoi cari e dei suoi affetti".  

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -