Aeroporti, fusione Forlì-Rimini? Angeli (Pli): "Rusticali ha ancora voglia di dar consigli"

Aeroporti, fusione Forlì-Rimini? Angeli (Pli): "Rusticali ha ancora voglia di dar consigli"

CESENA - Leggiamo che l'ex presidente di Seaf Franco Rusticali si dice contrario ad una  fusione tra gli aeroporti di Forlì e di Rimini, la cosa non ci sorprende dato che già due anni fa non volle ascoltare chi proponeva una società unica che
gestisse in sinergia i due scali anziché in deleteria concorrenza. La cosa che  ci sorprende è che Rusticali, dopo che la gestione del Ridolfi da lui presieduta non ha sortito alcun risultato, anzi ha portato a perdere il vettore Wind Jet e ad arrivare ad un passo dal fallimento, abbia ancora voglia di dare consigli in merito.

 

A nostro avviso invece la strada della società unica, possibilmente con maggioranza e gestione in mano privata, è la sola che possa ancora salvare lo scalo forlivese e, alla lunga, probabilmente anche quello riminese, dato che entrambi figurano nell'elenco degli scali a rischio chiusura del ministero delle finanze. La creazione di una società unica di gestione,
oggi sostenuta da molti, è la proposta che io stesso feci durante la campagna elettorale per le amministrative del 2009, ma sindaci e società Seaf mancarono di prendere tale proposta in considerazione per tempo.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allora chiamammo tale società "Romagna Aeroporti", e la configurammo come una società con partecipazione pubblica, ma in prevalenti mani private, perché l'unica via per invogliare i privati ad investire è dare loro la gestione della societ. Tale società era già allora, a nostro avviso, l'unica soluzione per tentare di mantenere in vita i due aeroporti romagnoli ed era anche l'unica garanzia per la Romagna di mantenere, anche in futuro, sul territorio almeno uno scalo internazionale capace di competere con Bologna. Oggi temiamo che tale soluzione, benché in teoria ancora possibile, sia però in grave ritardo e rischi per questo di non arrivare in tempo ad evitare la chiusura del Ridolfi.

Stefano Angeli, segretario provinciale del Partito Liberale Italiano (Forlì-Cesena)

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -