Aeroporti, tregua in Regione tra Forlì e Rimini. Verso la fusione

Aeroporti, tregua in Regione tra Forlì e Rimini. Verso la fusione

Aeroporti, tregua in Regione tra Forlì e Rimini. Verso la fusione

Forse la quiete dopo la tempesta? La bufera sulla Wind Jet, scippata dall'Aeroporto di Rimini a quello di Forlì, e le pesanti reazioni delle istituzioni forlivesi, anche nei confronti della Regione, con le ormai certe dimissioni del presidente di Seaf, Franco Rusticali, hanno portato o accelerato, la firma di un accordo tra Regione, sindaci e Province: "Entro il 31 gennaio 2011 verrà assunto un impegno formale per avviare le procedure di integrazione-fusione degli scali aeroportuali di Forlì e Rimini".

 

Adesso si parla con chiarezza di un unico piano industriale, "che fissi la priorità d'investimento". La firma è stata posta mercoledì a Bologna da Regione Emilia-Romagna, nella persona dell'assessore Alfredo Peri, i sindaci di Forlì e Rimini, Roberto Balzani e Alberto Ravaioli, il presidente della Provincia di Rimini, Stefano Vitali e, per la Provincia di Forlì-Cesena, il vicepresidente, Gugliemo Russo. Dunque si cerca di ricucire lo strappo, che in pochi giorni si è trasformato in una lacerazione.

 

La sfiducia di Balzani a Rusticali, il dito puntato contro la Regione, in particolare contro l'assessore Melucci, Aeradria, società di gestione del Fellini, che ha difeso i suoi interessi, sostenuta da Comune e Provincia. Ora dall'alto arriva "un progetto sul quale siamo tutti impegnati", lo definisce Errani.

 

Nel documento è ribadito che la Regione potrà valutare la propria permanenza come socio delle due società, a condizione che il percorso integrativo abbia avvio in modo rapido e concreto. "La firma di oggi è un fatto importante e positivo - ha sottolineato il presidente della Regione Vasco Errani - Il contenuto dell'accordo, che conferma la strategia di integrazione fra i territori sulle infrastrutture, è un progetto sul quale siamo tutti impegnati".

 

"Abbiamo riaffermato e sottoscritto tutti insieme con un documento condiviso la volontà di continuare un percorso avviato nei mesi scorsi di forte integrazione, fino alla fusione possibile tra i due scali - ha ribadito l'assessore alla Mobilità e Trasporti Alfredo Peri - Una forte integrazione che deve partire entro il 31 di gennaio del 2011 con un'esplicita e formale volontà dei principali soci dei due aeroporti. Occorre dare l'avvio alla predisposizione di un piano industriale unificato, per evidenti ragioni: primo, rafforzare la capacità dei due scali di cogliere tutte le opportunità di questo territorio, e anche oltre; secondo, per avere un rapporto con i vettori di altro tipo, in modo tale da non ‘farsi dettare l'agenda' da chi ha interessi del tutto legittimi, ma privati".

 

"Come Regione - ha concluso Peri - ribadiamo che l'Emilia-Romagna ha bisogno di un sistema coordinato di aeroporti. In particolare Bologna, Rimini e Forlì erano già l'elemento centrale di questa strategia. Nel caso specifico di Rimini e Forlì abbiamo sottoscritto e agevolato il raggiungimento di quest'intesa alla condizione che tutto ciò diventi, entro la fine di gennaio, atto formale e lavoro concreto: anche il tema dei tempi ha la sua importanza".

Commenti (8)

  • Avatar anonimo di ilmatterello
    ilmatterello

    L'accordo mi sembra più un " tiriamo a campà in attesa che passi la nottata". Penso questo perchè altrimenti il punto di partenza doveva essere l'azzeramento della situazione e quindi dell'accordo Rimini con wind Jet, in attesa di fissarne i punti. Purtroppo questa Regione sta pagando il mancato rinnovamento della classe politica; lo stesso Errani, al suo primo mandato, si sarebbe comportato con più polso e in maniera diversa. Ora ha la testa a Roma. Balzani non doveva firmare nessun accordo in mancanza di reali garanzia; non si devono mai firmare accordi con chi si presenta acquisendo posizioni di vantaggio create con sotterfugi. Il fatto di dover pagare una specie di penale, perchè, come sindaco, non nasce come espressione diretta del PD non lo deve condizionare; lui è il Sindaco di tutti, va oltre i singoli partiti, deve curare solo gli interessi di Forlì e l'dea che ha di area vasta nei servizi. ilmatterello.wordpress.com

  • Avatar anonimo di AC
    AC

    Temo che Sor Perozzi ci prenda. Personalmente credo alla buona fede di Balzani (lui è un puro...) ma questa di per se non ha alcun peso ... Parole parole e spostare il traguardo sempre più avanti ... questa mi sembra la strategia di Peri ed Errani... Intanto Forlì se lo prende in quel posto ... subito!

  • Avatar anonimo di Sor Perozzi
    Sor Perozzi

    "un progetto sul quale siamo tutti impegnati", "volontà di continuare un percorso avviato nei mesi scorsi (??) di forte integrazione, fino alla fusione possibile(??!!) tra i due scali", "dare l'avvio alla predisposizione di un piano industriale unificato", "Una forte integrazione che deve partire entro il 31 di gennaio del 2011 con un'esplicita e formale volontà dei principali soci dei due aeroporti" Ci prendono proprio per fessi... e per lo più hanno ragione. Si stà parlando del nulla assoluto per zittire fin da subito la strana coppia Balzani-Bulbi, le cui sparate fanno quasi tenerezza per ingenuità (se crdiamo alla loro buona fede), nonchè tutti coloro che vogliono o devono credere che il loro dio PD operi per il bene dei forlivesi e non per quello altrui. Non se ne esce.

  • Avatar anonimo di signorG
    signorG

    è una pantomima... governano e vogliono ardentemente mettere le mani su tutto ma tutto ciò che toccano lo distruggono... e chi ci rimette sempre noi. vergognatevi.

  • Avatar anonimo di sefossi
    sefossi

    E la privatizzazione? dimenticata? Con la fusione Forlì avrà sicuramente un ruolo secondario e prima o poi i forlivesi dovranno veramente seminare patate.....

  • Avatar anonimo di AndreaB
    AndreaB

    Mah... Dagli articoli che ho letto, entrambi gli aeroporti sono contenti per l'accordo raggiunto... E' possibile conoscere nei contenuti cosa hanno firmato i due sindaci, i rappresentanti delle provincie e la regione? Alla fine Forlì si ritrova senza la maggiore compagnia aerea e Rimini, grazie al loro management ha stipulato un accordo con una delle maggiori compagnie italiane del lowcost...

  • Avatar anonimo di fabrizio bazzocchi
    fabrizio bazzocchi

    Buona notizia, finalmente qualche soluzione sensata. Balzani si impunti pure perché se poi arrivano i risultati come questi nulla da dire. Certo la famosa regione romagna è ancora in là da venire, anche tra la gente, non solo a livello politico.

  • Avatar anonimo di fabbri stefano
    fabbri stefano

    Scusate la mia ignoranza: se basta un incontro per trovare l'accordo, perchè il sindaco Balzani invece di fare "scene isteriche" in Consiglio comunale non ha chiamato nelle scorse settimane il presidente Errani e l'Assessore Regionale per avere subito un chiarimento? Amichevoli saluti. Stefano Fabbri

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -