Aeroporto di Forlì, Bulbi: "Finalmente Bologna si preoccupa della concorrenza"

Aeroporto di Forlì, Bulbi: "Finalmente Bologna si preoccupa della concorrenza"

Aeroporto di Forlì, Bulbi: "Finalmente Bologna si preoccupa della concorrenza"

FORLI' - A Bologna ci si preoccupa del tema della concorrenza tra gli aeroporti regionali. "Per molto tempo il Comune di Forlì, la Provincia di Forlì-Cesena e la Regione Emilia-Romagna hanno cercato di far capire che bisognava indirizzare in questo senso le politiche aeroportuali. Perfino la proposta di un grande gruppo privato operante nel settore, poi sfumata, indicava che quella era la direzione giusta", lo affermano il presidente della Provincia, Massimo Bulbi e l'assessore Maurizio Castagnoli.

 

"Purtroppo in molti sono rimasti sordi. Il rapporto con le istituzioni locali di Bologna è stato a lungo cercato. Alle nostre richieste gli unici che hanno risposto, che hanno riconosciuto la strategicità di una collaborazione, sono stati la Provincia di Rimini, con il suo Presidente Stefano Vitali, e la Regione Emilia-Romagna, con l'Assessore Alfredo Peri e il Presidente Vasco Errani, a cui tutti va la nostra personale stima e fiducia, e a cui rinnoviamo la nostra collaborazione per proseguire nella positiva strada dell'integrazione tra i due scali".

 

"Senza esprimerci prematuramente, guardiamo con ottimismo alla manifestazione di interesse che è pervenuta per la privatizzazione della Seaf. Questa manifestazione avvalora l'impegno che abbiamo profuso, come Comune, Camera di commercio, Provincia e Regione, per l'aeroporto. La società proponente ha evidentemente compreso il valore che Forlì attribuisce al Ridolfi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

Commenti (6)

  • Avatar anonimo di Stefano S.
    Stefano S.

    SALVE!!!! Dietro l'aeroporto di Bologna quali interessi ci sono? Ed a Bologna mi sbaglio ma ci sono le varie sedi economiche e politiche che reggono il PD o sbaglio? E che hanno in passato pienamente dimostrato la loro arroganza in scelte che hanno coivolto la nostra città o sbaglio? Ed il Sig. Bulbi che ho sentito con le mie orecchie presso un ristorante nella periferia di Forlì discutere circa le sue opportunità politiche nel caso di nuove elezioni si metterebbe contro tali forze???? Ma VAAAAAAAAAAAAAAAAA

  • Avatar anonimo di giulianopedulli
    giulianopedulli

    Insisto a ritenere che la prudenza, unite al rigore della trattiva diretta che si aprirà con Save, siano le direttrici che gli amministratori impegnati nella vicenda debbano seguire. Mi pare che le preoccupazioni che può avere Bologna, unite a quelle di Rimini, siano fondate, perchè ove si realizzasse il matrimonio Forlì-Venezia, gli spazi di mercato-rapina per gli altri due aeroporti si renderebbero più ristretti e complessi. L'Aeroporto di Blogna, fra l'altro, non può lamentarsi ora, perchè ha avuto una straordinaria opportunità di giocare da leader del sistema regionale, quando era in ottimi rapporti con Forlì e la Regione aveva predisposto uno studio in tal senso: ha preferito non farlo, pensando di crescere a discapito nostro. Quindi... Ma, ancora, prudenza e impegno, perchè la salita è dura.

  • Avatar anonimo di mau
    mau

    Se l offerta di Save dovesse dimostrarsi corretta e Forli venisse privatizzato la politica c'entrerebbe sempre meno. Se Save vuole entrare deve avere capito che ci può essere un buon business e può fare male a Bologna, tutto qui. Se si va alla privatizzazione, i ragionamenti su come possono convivere Forli e Rimini diventano vecchi. decide il mercato, semplice. Ovvio che il percorso è ancora lungo. Chi ci fa una pessima figura è Bologna che lascia entrare un pericoloso concorrente diretto nel cuore della regione quando poteva tranquillamente trovare un buon punto di equilibrio. Save gestisce sia Venezia sia Treviso e tutti e due funzionano bene. Se bologna avesse seguito quel modello ora non si troverebbe con un concorrente pericoloso a 70 chilometri...

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Ho sempre scritto che, in fin dei conti .. contano solo i soldi. Vediamo quanti ne mette SAVE. Però la sua offerta ha superato un primo screening. Vuol dire che almeno non è una baggianata. Poi magari salta tutto, ma è gente seria. Anche solo questo mi porta a dire che qualcosa di buono a Forlì c'è. Settimane fa su questi siti si battagliava fra chi l'aeroporto lo voleva chiudere e buttare la chiave (vi ricordate ?) e chi voleva siringarci altri soldi pubblici ... perché questa è l'alternativa. Entrambe le posizioni erano legittime, e ognuno ha detto la sua. Attualmente c'è una novità. Anzi due. L'offerta veneta e la holding - bad company regionale. Della prima bisogna vedere. La seconda mi sembra un tentativo maldestro e tardivo di ... sabotare il progetto per evitare una infiltrazione nel territorio. Non so cosa ci trovi SAVE di buono al Ridolfi (cioè, lo so, ma non vale tornare sull'argomento). Forse fa un pessimo affare, forse no. Non lo so ... ma soprattutto non sono problemi nostri una volta che i lavoratori sono protetti e i danari pubblici incrementati.

  • Avatar anonimo di zac
    zac

    Tutto questo ottimismo mi sembra fuori luogo, ancora non si è vista l'offerta economica ma tutti sono pronti a cantar vittoria, contenti del fatto che Bologna si preoccupa, poveri illusi, Bologna continuerà a fare la voce grossa sfruttando la guerra fra Rimini e Forlì. Continuo a chiedere alla poltica: come è possibile sostenere due scali a 40 km uno dall'altro? Quali sono i costi per la collettività? Forlì dal punto turistico che valore ha? Non sarebbe meglio utilizzare le decine di milioni buttate sull'aeroporto per aiutare il futuro dei lavoratori?

  • Avatar anonimo di Tomcat
    Tomcat

    Finalmente dopo mesi passati a leggere brutte notizie, venerdì si viene a sapere dell'interesse di un privato nei confronti del nostro Aeroporto. E adesso? Bologna si preoccupa della concorrenza! Facile adesso preoccuparsi! Non si preoccupava nessuno però, fino alla scorsa settimana, del futuro di noi lavoratori precari con famiglie a carico! A Forlì solo manutenzione e scuola di volo! Bene, adesso, finalmente, si vedrà chi veramente è interessato al futuro del ns. Ridolfi e chi ha sempre avuto interesse ad affossarlo, sbattendoci tutti in mezzo ad una strada. Spero che tutti i Forlivesi ed i Romagnoli si facciano sentire con forza: Forlì ha i mezzi per non fare sempre la figura della Cenerentola della Regione Emilia-Romagna!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -