Aggressione a Berlusconi, Tartaglia in carcere a San Vittore

Aggressione a Berlusconi, Tartaglia in carcere a San Vittore

Massimo Tartaglia

MILANO - Massimo Tartaglia, l'incensurato di 42 anni che domenica sera ha aggredito il premier Silvio Berlusconi in piazza Duomo a Milano al termine del comizio, si trova detenuto nel carcere di San Vittore. Nel cuore della notte è stato sottoposto ad un interrogatorio fiume durato oltre quattro ore. Agli inquirenti non ha fornito alcuna giustificazione del suo gesto, ammettendo però di essere il solo responsabile dell'aggressione al premier.  Si indaga sulle sue conoscenze.

 

Tartaglia, sofferente di problemi mentali, ha spiegato di essersi recato in piazza Duomo per assistere al comizio del Cavaliere e di essersene andato quando Berlusconi era ancora sul palco. Mentre stava raggiungendo la metropolitana ha visto la macchina del presidente del Consiglio parcheggiata, dicendo di aver sentito le grida di alcuni contestatori che hanno attratto la sua attenzione.

 

A quel punto si è infilato in una strada laterale per tornare indietro e si è trovato davanti Berlusconi a cui ha lanciato il souvenir che aveva comprato poco prima su una bancarella. Tartaglia non ha spiegato i motivi del suo gesto e domenica. In Questura è apparso molto frastornato. Gli inquirenti lavorano ora sulla rete di conoscenze e sulle frequentazioni dell'aggressore 42enne. Tartaglia è stato interrogato direttamente dal procuratore aggiunto Armando Spataro.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -