AGRICOLTURA - Miele: approvato il Programma triennale apicoltura

AGRICOLTURA - Miele: approvato il Programma triennale apicoltura

BOLOGNA - Oltre 2,1 milioni di euro per gli apicoltori dell'Emilia-Romagna. A tanto ammontano le risorse previste, per il triennio 2008-2010, dal Programma regionale triennale approvato dall'Assemblea legislativa. L'obiettivo è favorire lo sviluppo e il miglioramento, anche qualitativo, dei prodotti dell'alveare su tutto il territorio regionale , nel rispetto dell'ambiente e della salute dei consumatori.


L'Emilia-Romagna è una delle regioni italiane in cui l'apicoltura di qualità è più sviluppata. Qui operano circa 10 mila apicoltori e hanno sede l'Istituto nazionale di apicoltura, l'Osservatorio nazionale della produzione e del mercato del miele, il CONAPI, cioè il Consorzio di apicoltori e produttori biologici. Inoltre i migliori selezionatori e allevatori di api regine del mondo operano in Emilia-Romagna.


"Siamo convinti tuttavia che esistano ampi margini di miglioramento - ha detto l'assessore regionale all'agricoltura Tiberio Rabboni - perciò con questo programma puntiamo a privilegiare interventi in grado di migliorare ulteriormente la professionalità degli operatori e la qualità dei prodotti, a consolidare la filiera, a sostenere i giovani. Sono cresciute anche le risorse, che passano dai 450 mila euro per anno del programma precedente a 700 mila euro annui. Gli apicoltori emiliano-romagnoli hanno dunque un'ottima possibilità per lo sviluppo del comparto":
Le risorse saranno in particolare destinate all'assistenza tecnica, alla formazione professionale , alla lotta contro la Varroasi, un parassita in grado di distruggere completamente gli alveari colpiti, alla razionalizzazione del "nomadismo", al sostegno dei laboratori di analisi e alla realizzazione di un programma di ricerca, svolto dall'Istituto nazionale di apicoltura di Bologna, e finalizzato al miglioramento della qualità dei mieli.


Le risorse sono destinate in via prioritaria agli imprenditori del settore al di sotto dei 40 anni, a quanti operano seguendo il metodo biologico o di produzione integrata e - infine - a coloro che producono nel rispetto delle indicazioni dei regolamenti comunitari sulle "specialità tradizionali" e sulle "denominazioni di origine".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Il bando per la presentazione delle domande è previsto entro l'estate, dopo il via libera della Unione europea. Per quanto riguarda le aziende, i contributi potranno arrivare fino ad un massimo del 60% e saranno relativi - tra l'altro - all'acquisto di arnie antivarroa e ad attrezzature per il nomadismo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -