Agricoltura: quote latte, attacco di Rabboni al Governo

Agricoltura: quote latte, attacco di Rabboni al Governo

"Il Decreto è molto peggio di quanto potessimo prevedere  e smentisce platealmente le rassicurazioni che il Ministro Zaia ha dispensato nei giorni scorsi ". Con queste parole l'assessore regionale all'agricoltura dell'Emilia-Romagna Tiberio Rabboni commenta il decreto legge sulle quote latte pubblicato ieri sulla Gazzetta Ufficiale.


"Si tratta  - spiega Rabboni -di un vero e proprio trattamento di favore per gli irriducibili delle quote latte  che hanno fin qui operato al di fuori delle norme e di un provvedimento discriminatorio nei confronti della grande maggioranza degli allevatori che con enormi sacrifici in questi anni hanno rispettato le regole. Per questi ultimi  non vi è nulla delle promesse fatte dallo stesso  Ministro.  Anche il mondo agricolo regionale considera questo decreto irricevibile. Già dai prossimi giorni  mi attiverò per proporre  ai Parlamentari e al Governo gli indispensabili emendamenti."

 

I punti contestati

L'articolo 1 del decreto si apre con una vera e propria sorpresa: la riammissione alla compensazione nazionale della campagna lattiera in corso, che nulla ha a che fare  con la distribuzione delle quote aggiuntive autorizzate da Bruxelles, degli allevatori privi di quota e di quelli che hanno prodotto più del doppio della quota assegnata. Questo significa ridurre drasticamente le possibilità di compensazione per colore che rispettano le normative.


Negli articoli successivi si conferma che le quote aggiuntive vengono assegnate  soprattutto ai grandi splafonatori mettendo in coda coloro che hanno pagato per avere le quote necessarie in affitto, limitando la restituzione della quota B tagliata al solo quantitativo prodotto in esubero, mentre i piccoli splafonatori vengono addirittura esclusi dall'assegnazione. Circa poi il famoso fondo finanziato con i versamenti di coloro che si metteranno in regola, si tratta in realtà di pochissime briciole poiché il fondo è prioritariamente destinato a finanziare il Ministero del Tesoro.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come preannunciato inoltre  non si chiede la rinuncia al contenzioso, ma, al contrario, si introducono  ulteriori elementi controversi che potranno incrementare il ricorso ai tribunali.
Infine viene disconosciuto l'operato delle Regioni alle quali si riserva il ruolo di postini nel senso che devono limitarsi a comunicare le  assegnazioni alle aziende .

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -