Albero di Natale, forlivesi spaccati a metà. La Lega Nord: "Lo facciamo noi"

Albero di Natale, forlivesi spaccati a metà. La Lega Nord: "Lo facciamo noi"

Albero di Natale, forlivesi spaccati a metà. La Lega Nord: "Lo facciamo noi"

FORLI' - Forlivesi spaccati a metà sulla decisione del Comune di "abolire" il tradizionale albero di Natale in piazza Saffi e di sostituirlo con un'installazione di trenta "alberi ecologici". Dopo circa 24 ore  dall'apertura del sondaggio di RomagnaOggi.it (che non ha valore statistico, ma riporta semplicemente gli "umori" dei lettori) tra favorevoli e contrari i forlivesi sono spaccati metà e metà: il 49% favorevoli e 51% contrari (alle ore 11,30).

 

> ALBERO DI NATALE, COSA NE PENSI? SONDAGGIO

 

In particolare, la categoria che riscuote maggiore consenso è quella che condivide la scelta del Comune perché "è un messaggio corretto per la tutela delle piante". Tuttavia, una piccola percentuale, vede di buon occhio l'iniziativa, ma l'avrebbe posticipata ad un altro anno di "vacche grasse", mantenendo l'albero di Natale in tempo di crisi.

 

Sul fronte dei contrari, che restano in lieve maggioranza, dopo esserlo stato in modo più spiccato per tutta la durata la giornata di ieri, la motivazione più forte è che ciò dimostra "una deriva laicista presente" nelle istituzioni comunali. Ma una percentuale abbastanza forte è disposta ad accettare in linea di massima i propositi del Comune, ma tuttavia è contraria all' "abolizione" in toto dell'albero di Natale in piazza Saffi. Nel frattempo il dibattito si è scatenato anche sulla pagina di RomagnaOggi.it su Facebook e anche all'interno di un apposito gruppo creato sul popolare social network a difesa dell'albero in piazza in cui si susseguono decine di commenti di forlivesi.  

 

Intanto, interviene sull'argomento la Lega Nord. L'albero di Natale in piazza Saffi non si farà? Nient'affatto, ci penserà la Circoscrizione 1. Lo annuncia Piero Fusconi, esponente della Lega Nord e presidente della prima circoscrizione (quella che include anche il centro storico). Fusconi ha inviato martedì la richiesta di concessione dello spazio pubblico in piazza Saffi per realizzare l'albero "con la collaborazione di quanti, associazioni e semplici cittadini, hanno a cuore la loro città". 

 

La richiesta avanzata dall'avvocato Fusconi, chiede all'Amministrazione comunale la concessione "dello spazio nell'area rialzata di Piazza Saffi, di fronte a Palazzo Albertini, dal 6 dicembre 2009 al 6 gennaio 2010 per allestimento albero di Natale". 

Commenti (17)

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    Ma basta con le assurdità. 18000 euro ai più deboli o l'alberone in piazza? per l'ennesima volta i bravi cristiani (leghisti difensori del crocifisso) tra cristo e barabba scelgono barabba.... grazie a dio sono ateo.

  • Avatar anonimo di simy
    simy

    se la lega ha dei soldi da buttare perchè non aiuta chi ha perso il lavoro e famiglie annesse????

  • Avatar anonimo di d_a_v_i_d_e
    d_a_v_i_d_e

    Il plotone di sudditi è schierato in difesa dei gerarchi in difficoltà! Ma come si fa ad arrampicarsi sugli specchi così! Questa gaffe è talmente enorme che verrà per certo ricordata negli anni. Il clamore suscitato poi farà sì che tali miserabili alberelli verranno divelti da vandali, come è stato profetizzato, interpretando a torto la ribellione del popolo che non li vuole, o meglio che non vuole che essi prendano il posto del Grande Albero! E' una vicenda non grave ma triste, almeno mi faccio qualche risata.

  • Avatar anonimo di Gabrin
    Gabrin

    @Annibale E' perché avevi detto bestilità tali che quello si vergognava a stare lì.

  • Avatar anonimo di annibale
    annibale

    Strano il mio msg. a cui ha risposto Manù (n. 6 e risposta ancora presente), e' scomparso!!! Non capisco il motivo.... Cosa ne faranno poi dopo Natale degli addobbi coi rifiuti riciclati? se li mettono in casa come soprammobili i fautori di tale geniale idea???

  • Avatar anonimo di pasta
    pasta

    x M@goo scusa, ma le piante x quanto ne sò, saranno vere con la loro zolla in un vaso e "addobbate" con materiali di riciclo da un gruppo di volontari con l'aiuto di bambini delle scuole Il problema, secondo me, sarà come faranno chi organizza la cosa a far sì che nessuna testa vuota faccia vandalismo, ruberie o altro su questi alberelli lasciati alla mercè di tutti Boh... vedremo alla fine che succederà

  • Avatar anonimo di Luca
    Luca

    Argomentazione poco convincente M@gooo. Il rispetto per l'ambiente non si fa in quel modo. Non stiamo parlando di costruire un'antenna per cui non c'è bisogno che tu mi dica "se lo prelevassero dal tuo giardino". Se si porta un grande abete a Forlì e attorno ci si mettono gli alberi fatti da quei bambini, non succede nulla, non allarghiamo il buco nell'ozono, facciamo contenti gli amanti dei simboli e rendiamo più bella la piazza.

  • Avatar anonimo di M@goo
    M@goo

    Luca, il fatto che le luminarie e la Cometa siano molto fastidiose e molto brutte immagino sia una tua opinione personale. I simboli di cui parli ci saranno, invece che uno grande saranno 30 piccoli. Invece che togliere una pianta viva dal suo posto, ce ne saranno 30 finte, create con materiale che altrimenti andrebbe buttato. Se l'abete lo prelevassero dal tuo giardino, sarei curioso di sapere cosa diresti.

  • Avatar anonimo di stefanelli
    stefanelli

    La cosa più sensata l'ha detto Rossetti (https://www.romagnaoggi.it/forli/2009/11/25/144260/). Il PDL e la Lega hanno iniziato la loro campagna elettorale per le regionali e una semplice scelta di fare un albero di Natale un pò diverso dal solito è stata presa come pretesto per polemizzare per fini elettorali. Niente di nuovo da PDL e Lega.

  • Avatar anonimo di Luca
    Luca

    La scelta di non fare l'albero di Natale è indifendibile. Non ci sono motivazioni che tengano.. I simboli sono tali anche nei periodi di crisi: e per risparmiare sull'ambiente sarebbe sufficiente mettere meno luminarie (peraltro molto fastidiose e molto brutte come nel caso di quella orribile stella di Natale sulla Pensilina).

  • Avatar anonimo di Microwave
    Microwave

    L'albero non è simbolo cristiano; non erigerlo non è espressione di una qualche deriva laicista. Su questo non vale nemmeno la pena di discutere. Molto più banalmente si tratta di una decisione sciocca e demagogica, che sembra uscire sparata da un film di Nanni Moretti. E' grave - perché indica tutte le deficienze comunicative di questa amministrazione - ma non è seria... Nei prosssimi anni l'albero tornerà in piazza e si sorriderà a ripensare a quel 2009 in cui a un'amministrazione nuova, confusa e assai dilettantesca non venne in mente nulla di meglio che togliere l'albero di natale

  • Avatar anonimo di Manù
    Manù

    @annibale Se hai votato alle primarie del PD pagando 2 �, l'hai fatto per libera scelta, se non hai votato e non hai pagato i 2 � versali per l'adozione a distanza che i consiglieri PD della circo 1 vogliono proporre al loro Presidente. Per i bambini della P. Maroncelli, la sensibilizzazione all'ambiente parte proprio dalle scuole, se anche preferivano fare altro, son sicura che male non ha fatto loro questa iniziativa!

  • Avatar anonimo di Andrea Canali
    Andrea Canali

    A quanto pare il Presidente Fusconi ancora non ha imparato che le richieste della Circoscrizione 1 vengono prese dal consiglio a maggioranza e non solamente dal Presidente. Per quanto mi riguarda mi rivedo totalmente con quello detto da Vico Zanetti, e sottoscrivo anche io la sua proposta: in un momento di crisi non sarebbe meglio destinare quei soldi per chi ne ha veramente bisogno e non per un albero di Natale che quest' anno, invece di essere comprato e tagliato, sarà fatto 40 volte dai bambini della scuola media "Piero Maroncelli" con materiale di riciclo? La religione cristiana non insegna ad aiutare chi ha bisogno di aiuto, i poveri? Non si può tirare fuori la parola " cristianità" solo per attirare voti, e nello stesso tempo, iniziare una dura repressione contro chi viene in Italia per lavorare e per poter dare un futuro dignitoso alla propria famiglia. Facciamo tutti insieme un vero regalo di Natale a coloro che quest' anno non portanno farne Andrea Canali Consigliere Circoscrizione 1

  • Avatar anonimo di pasta
    pasta

    un'applauso alla proposta del consigliere Zanetti..... la prima cosa sensata che leggo da qualche tempo BRAVO

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    Parlare di deriva laicista sull'albero di natale è dimostrazione di grassa ignoranza. L'albero è un simbolo pagato, assimilato obtorto collo dalla chiese (peraltro è di tradizione teutonica non padana....) . Il simbolo cristiano del natale è il presepe. Quanto alla dichiarazione del presidente credo che noi consiglieri dovremo pur dire la nostra. Personalmente non amo una strage di alberi usati solo con finalità decorative, e ritengo intelliggente e creativa l'idea di proporre alberi fatti con materiali di riciclo. Se poi i privati cittadini vogliono finanziare un albero a pagamento, ricorderei che lo spirito del Natale sta nel fare qualcosa per gli altri. (e lo dice un ateo). Per cui se si raccolgono soldi tra i cittadini non sarebbe meglio usarli per chi ne ha bisogno? Una modesta proposta... un cenone per i poveri non sarebbe meglio? Vico Zanetti cons. circoscrizione 1

  • Avatar anonimo di AlexD
    AlexD

    ...cari politicanti, se avete a cuore la vostra città e il centro storico, invece di nascondervi dietro ad un albero, ci spiegate quanto tempo ci vorrà per attivare il caffè letterario che dovrebbe essere posizionato al posto dell'ex camelopardo? O questo crea conflitti di interesse generalizzati, con il monopolio delle librerie già presenti?

  • Avatar anonimo di Gabrin
    Gabrin

    Alé tutti a far la loro pisciatina sull'albero di natale. Ora cosa farà Destinazione Forlì? Continua a sostenere questo presidente di circoscrizione?

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -